Genova Politica

Legge “Bavaglio”, anche la CGIL in piazza con PD e Associazione Gruppo Cronisti Liguri

“Abbiamo aderito convintamente al flash mob di questa mattina a Genova contro la legge bavaglio per diversi motivi: il primo perché come scritto nell’appello alla partecipazione a firma dell’Associazione ligure giornalisti non si tratta solo di una lotta di categoria che riguarda i giornalisti, ma di una battaglia che deve interessare tutte le cittadine e i cittadini di questo paese. Il secondo motivo è che si tratta di una battaglia per i diritti: il diritto ad essere informati, il diritto a vivere in una democrazia compiuta, una democrazia che avanza e non che arretra”.

Lo affermano Igor Magni e Maurizio Calà, segretari generali Cgil Genova e Liguria.

“Come pubblicato dal Rapporto 2023 di Reporter Senza Frontiere, l’Italia non brilla nella classifica internazionale che riporta la fotografia delle libertà di stampa nel mondo – spiegano  da Cgil -. Noi crediamo che questo provvedimento possa rappresentare un ulteriore tassello che ci relegherebbe ancora più in basso rispetto anche a questa classifica”.

“Noi crediamo che questo provvedimento sia contrario a quanto contenuto nella Carta costituzionale non solo per la compressione della libertà di stampa,  ma anche per gli sviluppi nefasti che avrebbe su una professione  dove i precari sono in continuo aumento: chi non ha contezza del proprio futuro non può essere totalmente libero”, concludono Magni e Calà.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *