Attualità In Primo Piano La Spezia e provincia

La Spezia, sottoscritto protocollo di intesa tra la Provincia e la Guardia di Finanza per il monitoraggio dei progetti di investimento del Pnrr

La Provincia della Spezia e il Comando Provinciale della Guardia di Finanza della Spezia hanno sottoscritto, sotto l’egida della Prefettura, un protocollo d’intesa per monitorare e vigilare sinergicamente sull’attuazione dei progetti di investimento e delle opere pubbliche finanziate con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e
Resilienza (PNRR) e del relativo Fondo Complementare di matrice nazionale, attraverso il tempestivo e sistematico flusso informativo a favore della Guardia di Finanza in quanto forza di polizia economico finanziaria specializzata nella tutela della spesa pubblica nazionale e dell’Unione Europea.

L’accordo, firmato dal Presidente della Provincia dott. Pierluigi Peracchini e dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Col. t.SFP Benedetto Labianca, ha lo scopo di instaurare una reciproca collaborazione ed operare sinergicamente per garantire l’uso lecito delle risorse destinate alla provincia spezzina per la
realizzazione degli interventi previsti dalle missioni del PNRR con l’obiettivo a lungo termine di rendere l’Europa più verde, più digitale e più resiliente.
Il Protocollo formalizzato prevede la comunicazione periodica da parte dell’Ente, al Comando Provinciale della Guardia di Finanza della Spezia dei dati di sintesi di ciascun intervento e dei relativi progetti esecutivi con la possibilità di segnalare le misure e/o i contesti su cui ritiene opportuno siano indirizzate eventuali attività di
analisi e approfondimento. L’accordo rimarrà operativo fino all’utilizzo di tutte le risorse finanziarie relative agli interventi del PNRR e, comunque, fino al 31 dicembre 2026, inserendosi in una più ampia cornice di attenzione
istituzionale rivolta al corretto impiego delle risorse pubbliche sul territorio provinciale che vede la Guardia di Finanza in prima linea nel garantire il rispetto della legalità e della trasparenza.

Il Prefetto della Spezia, dott.ssa Maria Luisa Inversini, ha inteso sottolineare la sinergia tra i vari Enti dello Stato per la tutela della legalità, al fine di migliorare l’efficacia complessiva delle misure volte a prevenire, ricercare e
contrastare le violazioni in danno degli interessi economici-finanziari dell’Unione Europea, dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali, connessi alle misure di sostegno e finanziamento del PNRR; mentre il Presidente della Provincia ha affermato che “La Provincia opera nel quadro della pubblica amministrazione quale ente di secondo livello, garantendo ai Comuni un riferimento fondamentale per tutti quei settori e per quelle attività che richiedono competenze specifiche e un’opera di coordinamento sul territorio.

Il PNRR rimette al centro dell’agenda il ruolo delle Province: ad esse è affidato sia il ruolo di soggetto attuatore del PNRR, che quello di ente strategico. Ad esse sono affidate due materie di stretta competenza provinciale: la manutenzione delle strade interne (e dei viadotti) e l’edilizia scolastica. Proprio per garantire la viabilità delle aree interne è demandato ai Presidenti di Provincia un ruolo strategico nella programmazione degli interventi.
Il coordinamento con la Guardia di Finanza è un valore aggiunto all’attività che l’Ente svolge, a garanzia dei procedimenti ed a tutela dell’interesse pubblico”. Secondo il Colonnello Benedetto Labianca “il protocollo oggi
sottoscritto, con il quale avremo la possibilità di disporre di un’informazione più profilata che ci consentirà di indirizzare meglio la nostra azione, va a inserirsi in una più ampia cornice di attenzione istituzionale al corretto
impiego delle risorse pubbliche sul territorio provinciale, che vede la Guardia di Finanza, unitamente alle altre amministrazioni coinvolte, in prima linea per garantire il rispetto della legalità, della trasparenza e dell’efficacia
realizzativa anche nella fase di messa in campo delle risorse e di concreta realizzazione delle progettualità finanziate”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *