Attualità

CIA Liguria: “Depopolamento cinghiali contro PSA. Ne mancano 37 mila……e più per raggiungere quota 38.000”

Ne mancano 37 mila……..e più.  Per raggiungere quota 38.000. L’obiettivo del programma di depopolamento dei cinghiali, messo a punto dalla Regione Liguria,  per scongiurare l’ulteriore ampliamento della peste suina.
Non ce la fanno e non ce la faranno  i cacciatori. Non ce la fanno più neppure i cani. Stremati dopo le prime (praticamente inutili) battute di caccia.
“Dopo i primi due capi abbattuti nella prima giornata a Ponente, le prime notizie ufficiose sulla nuove battute di caccia effettuate in questi giorni anche sugli altri territori liguri, confermano che quel traguardo è irraggiungibile – sottolinea Stefano Roggerone, presidente di Cia Liguria -. Diamo atto della disponibilità dei cacciatori , ma certo è che per ipotizzare in tempi decenti una riduzione della presenza di 38.000 ungulati, servono più interventi, ad esempio utilizzando in maniera diffusa sistemi di cattura che si sono dimostrati efficienti.
A questo va affiancata  un’organizzazione nella gestione delle carcasse – esami compresi – che al momento, pare ancora in via di definizione.”
La Regione ha modificato il Regolamento sulla caccia al cinghiale in forma collettiva. Le squadre negli ATC possono essere formate da un minimo di 15 componenti (anziché di 20) e i giorni di caccia a settimana passano da due (mercoledì e domenica) a tre, a scelta delle squadre, per un massimo di 10 giornate stagionali.
“ Sono modifiche inutili. La caccia e i cacciatori non possono essere l’unica soluzione. Si assegna a volontari una responsabilità eccessiva, e testimonia una sottovalutazione della posta in gioco – conclude Stefano Roggerone -.  Lo stesso nuovo Commissario alla PSA, anche questo  senza poteri reali, ha ammesso che il fenomeno si sta allargando. Liguria (372 casi) , Piemonte (459), un caso in Lombardia, focolaio nel Lazio, la provincia di Reggio Calabria, un caso in Campania. Non vorremmo che la nostra regione venisse  individuata come “l’untore”, a causa di una continua azione di rinvio, di mediazione per salvaguardare interessi legittimi ma non prioritari. Rischiamo di mettere in discussione la reputazione di un settore economico di primo piano nel nostro Paese: l’agroalimentare”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *