Cronaca In Primo Piano La Spezia e provincia

La Spezia, operazione “Frode e A.R.T.E”: denunciate per truffa 5 persone

La Guardia di Finanza della Spezia ha concluso un’articolata attività di indagine a tutela del bilancio degli Enti locali, nei confronti di soggetti assegnatari di alloggi residenziali pubblici gestiti dall’Azienda Regionale Territoriale Edilizia (A.R.T.E.), individuando diversi soggetti assegnatari del beneficio senza averne i requisiti. I
responsabili sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria della Spezia per il reato di “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche” e segnalati all’Autorità di gestione per la revoca del contratto d’affitto
agevolato.

I “furbetti della casa”, in base alle contestazioni dei finanzieri spezzini, hanno ottenuto il beneficio, fruendone anche per diversi anni in danno a chi realmente ne aveva bisogno, ricorrendo alla condotta artificiosa di omettere l’indicazione, all’interno della dichiarazione ISEE presentata in seno all’istruttoria, di parte del proprio patrimonio ovvero di quello dei familiari conviventi.

Tra i casi fraudolenti accertati grazie all’incrocio massivo di dati anagrafici ed economico patrimoniali, uno dei più clamorosi riguarda un soggetto che, sebbene assegnatario di alloggio popolare, risultava titolare di un’avviata
struttura turistico ricettiva in città, proprietaria di unità immobiliari di pregio. Ma non solo: il nucleo familiare dell’assegnatario vantava anche la proprietà di un immobile di interesse storico culturale, ubicato sull’isola della Palmaria, con annesso posto barca privato, nonché la quota di una lussuosa villa e di una tenuta agricola
concessa in locazione per l’esercizio di attività agrituristica, situate entrambe in Val di Vara.

Non da meno poi l’assegnatario che, presso l’alloggio pubblico, aveva istituito la sede di una scuola di musica e canto, nonostante il relativo nucleo familiare disponesse della proprietà di vari immobili, tra i quali una villa con
piscina ubicata sui colli nel Comune della Spezia.

Nei confronti delle persone indagate i militari del Gruppo Guardia di Finanza La Spezia hanno calcolato l’indebito beneficio ottenuto, quantificando il profitto conseguito che è stato sottoposto a sequestro preventivo disposto dal Giudice per le Indagini preliminari della Spezia su richiesta della locale Procura. Peraltro, in un
caso, dove l’indagato è ricorso al Tribunale del Riesame per ottenere la restituzione delle somme sequestrate, è già intervenuta la Corte di Cassazione che si è pronunciata confermando le modalità di quantificazione del
profitto correlato alla condotta contestata.

Il contrasto alle frodi nei settori previdenziale, assistenziale e sanitario che il Corpo efficacemente conduce, mira a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione, evitando il dispendio di risorse pubbliche a beneficio di soggetti non aventi diritto.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *