Attualità

Piana: “Etichettare vino, birra e liquori come alimenti pericolosi per la salute sarebbe un errore clamoroso”

Vigileremo e continueremo la nostra battaglia per il made in Italy, perché etichettare vino, birra e liquori come alimenti pericolosi per la salute sarebbe un errore clamoroso, se non un autogol. E non solo economico, ma per l’equilibrio della nostra alimentazione. Mettere al bando una categoria in modo generalizzato non vuol dire contrastarne gli abusi. Noi continuiamo a favorire gli investimenti sulla promozione, sul recupero dei vigneti incolti, sul ricambio generazionale, sull’enoturismo e sull’educazione alimentare. Il nostro è un vino di qualità, la Liguria è sempre più terra di grandi vini e delle comunità che vi ruotano attorno, con tutta la loro storia. Intendiamo tutelarli in Italia, in Europa e favorirne l’internazionalizzazione. Il caso irlandese, anche se l’Irlanda non è tra i maggiori importatori di vino, rischia di generare confusione e disinformazione. Contrasteremo qualsiasi possibile effetto domino in Europa, da cui ci attendiamo ben altre azioni, a tutela del sistema agroalimentare“.

Così il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura Alessandro Piana sulla questione dell’etichettatura degli alcolici.

La proposta europea che continua a far discutere è quella di indicare nelle etichette dei prodotti alimentari gli eventuali effetti negativi per la salute, che dovrebbe riguardare per l’appunto anche gli alcolici.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *