Cronaca Pietra Ligure

Pietra Ligure, tenta di rubare un cappotto da un negozio: denunciata donna

I carabinieri della Stazione di Pietra Ligure hanno identificato e denunciato a piede libero per furto con destrezza alla Procura savonese una donna 45enne laiguegliese: lo scorso 21 novembre, dopo aver provato un cappotto all’interno di un camerino di un negozio, aveva occultato soprabito all’interno di una borsa allontanandosi senza pagare.

Dagli accertamenti i militati aveva appurato che la donna, prima di entrare nel negozio, aveva rubato anche all’interno del vicino bar “Fuori Orario”. In questo caso però, il titolare l’aveva sorpresa con alcuni oggetti occultati nella borsa, obbligandola alla restituzione e riuscendo, anche se solo in parte, ad identificarla attraverso le fotografie di un documento di identità fatte con il suo cellulare.

I carabinieri pietresi, a questo punto, raccolti tutti gli elementi, sulla base delle descrizioni fornite dai testimoni e dall’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza cittadine, sono riusciti ad individuare l’autrice del furto intenta, nella data e nell’ora precisa, a giungere in negozio e uscire dopo pochi minuti celando il capo nella borsa. Incrociando le generalità con alcune banche dati delle forze di polizia, nonché con i suoi profili sui social network, la 45enne è stata identificata, nonché riconosciuta dal titolare del negozio per mezzo di una successiva individuazione fotografica.

Con l’esecuzione di un decreto di perquisizione concesso dall’autorità giudiziaria presso il domicilio della donna, i carabinieri hanno recuperato il capo di abbigliamento illecitamente asportato, del valore di circa 200 euro, rivenuto all’interno di un armadio di casa, con ancora attaccata l’etichetta del negozio, avendo cosi la conferma delle responsabilità della donna.

Il procedimento è attualmente nella fase preliminare ed i provvedimenti che verranno adottati non implicano la responsabilità dell’indagato non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’autorità giudiziaria.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *