Attualità Genova

Genova, con un investimento di 6 milioni di euro continua la valorizzazione degli immobili nel centro storico

 Sono oltre 6,1 milioni di euro le risorse investite, attraverso la direzione Patrimonio del Comune di Genova, negli ultimi sei mesi del 2022 per l’acquisizione di immobili nell’ambito progetti di valorizzazione e rigenerazione urbana per progetti finanziati dal Pnrr-Pinqua e Pnrr-Pui. «È un pacchetto di 13 interventi strategici, focalizzati sul rilancio e la valorizzazione di immobili collocati in particolare nel Centro Storico, nell’ambito del Piano Caruggi, e nel quartiere di Sampierdarena, al centro di un’articolata progettualità che ha saputo intercettare, grazie al lavoro congiunto della direzione Patrimonio con le altre direzioni comunali, le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza» spiega l’assessore al Patrimonio Francesco Maresca. In particolare, sono state oggetto di acquisizione 8 immobili nel centro storico (vico Vegetti 8\1, via San Bernardo 22, via Balbi 9, vico dell’Olio 5 R, vico superiore Santa Sabina 11R e 13R, vico del Fregoso 43 R, piazza Santa Sabina, vico Palla) e 5 a Sampierdarena (piazza Montano 4, via Spataro, via Daste, via Felicita Noli, via Pisoni). 

«La maggior parte delle acquisizioni è stata già stipulata e in alcuni casi è prossima la definizione – sottolinea l’assessore Maresca – in questi mesi abbiamo suddiviso gli immobili comunali in relazione alla loro capacità di far crescere i settori più importanti del tessuto cittadino. Ad esempio, in via Balbi, alcuni immobili saranno fondamentali per le necessità dei giovani: abbiamo previsto, di concerto con l’Università, la creazione di uno studentato. Gli immobili acquisiti in centro storico stanno trovando una nuova vocazione e quindi una fruibilità pubblica, in particolare con finalità sociali, come nel caso del magazzino del Massoero in vico Palla, ma anche degli oltre 70 immobili confiscati alla criminalità organizzata che stanno rivivendo una seconda vita, nella legalità e al servizio di associazioni. A Sampierdarena, Cornigliano e Valbisagno la riqualificazione toccherà maggiormente il settore del sociale, sanitario e culturale cogliendo i bisogni delle persone. Su Sampierdarena, in piazza Montano verrà creata una nuova struttura culturale, su via Daste importanti spazi aggregativi, mentre su via Spataro e via Noli aree di parcheggio molto richieste dai residenti». 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *