Albenga Politica

Albenga, il PD: “Ospedale pubblico e punto di emergenza sono argomenti inderogabili”

“Ospedale pubblico e punto di emergenza sono argomenti inderogabili”. Come primo atto dell’anno nuovo riteniamo opportuno ed indispensabile chiarire nuovamente, coma già fatto più volte nei mesi passati, la posizione del Circolo Ingauno del Partito Democratico in merito alla questione del nosocomio.

“Dobbiamo sempre ricordare in premessa che l’ospedale è una struttura nuova, la più recente della regione, logisticamente posta in una area a cui afferisce un importante comprensorio e dotata di una struttura a monoblocco che, in un’ottica di programmazione e di investimento, potrebbe essere ragionevolmente potenziata ed ampliata”. 

“Ciononostante le slide che stanno girando sulla bozza di piano sociosanitario regionale prevedono che la struttura ingauna debba ospitare un “Ospedale di Comunità” ed una “Casa di Comunità”. Dobbiamo rammentare a tutti che l’Ospedale di Comunità sarà una ‘struttura a gestione prevalentemente infermieristica con la presenza di UN medico almeno 4-5 ore al giorno 6 giorni su 7′”.

“Siamo molto lontani dall’idea di ospedale che necessita e merita il nostro territorio. Come Pd locale vigileremo sulla stesura del PSSR e chiederemo gli emendamenti necessari per chiedere che ad Albenga si realizzi molto più di questo. Ad Albenga serve un presidio ospedaliero pubblico dotato di reparti essenziali a soddisfare le esigenze del territorio, includendo l’apertura di un punto di emergenza”. 

“Dobbiamo inoltre complimentarci con l’amministrazione ingauna che è riuscita ad interrompere l’assenza di dialogo con la regione. Speriamo che il colloquio tra il sindaco di Albenga, il governatore Toti e l’assessore Gratarola, nell’ottica di un corretto dialogo tra istituzioni, possa portare a un cambio di rotta nella politica regionale indirizzando le risorse necessarie alla rinascita dell’ospedale di Albenga. Sarebbe una vittoria importante del nostro territorio”, conclude il direttivo del circolo Pd Albenga.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *