Cronaca Genova In Primo Piano

Genova, frana in via Posalunga: sfollati due palazzi

Frana in via Posalunga nel quartiere di San Martino a Genova. Nella mattina di oggi alcuni massi si sono staccati dalla parete rocciosa vicina a un condominio e si è deciso di evacuare tutto il civico 46 e sono in corso le verifiche da parte del Comune di Genova. Sono in totale 46 le persone sfollate per un totale di 79 abitazioni.

La Sala Operativa Unificata permanente della Regione Liguria sta monitorando con grande attenzione la situazione che si è verificata.
Sono in corso verifiche per valutare la necessità di ulteriori evacuazioni
Il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone sono in contatto con il sindaco Marco Bucci e con gli operatori sul posto, Vigili del Fuoco e Polizia Locale, in particolare per ogni necessità di assistenza alle famiglie.

«Attualmente abbiamo 46 persone evacuate dai due civici di via Posalunga, coinvolti dalla frana, ospitati temporaneamente al centro civico Buranello dove i nostri volontari della Protezione civile stanno dando assistenza con un pranzo caldo e provvedendo alle procedure di accreditamento per un’eventuale ospitalità in hotel». Lo dichiara l’assessore alla Protezione civile del Comune di Genova Sergio Gambino, che sta monitorando in loco la situazione di via Posalunga.

Presenti sul posto vigili del fuoco, carabinieri e per il Comune di Genova i volontari della Protezione civile, i tecnici e pattuglie della polizia locale, già da questa mattina alle 7.30 circa quando è stata disposta l’evacuazione di tutto il civico 46 e di tre interni del civico 42A per questioni di sicurezza, perché affacciati sul versante franoso.

«La direzione delle Politiche sociali si è immediatamente attivata e sono state contattate alcune strutture alberghiere per l’ospitalità delle famiglie evacuate – spiega l’assessore comunale alle Politiche sociali Lorenza Rosso – I servizi sociali del Comune sono pronti ad andare incontro a eventuali richieste soprattutto per situazioni di particolare fragilità».

In corso i rilievi sul fronte franato che sono effettuati da droni.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *