Cronaca Vado Ligure

Vado Ligure, la Capitaneria di Porto blocca in rada una nave battente bandiera Marshall carente sotto il profilo della sicurezza

Un’unità ancorata nella rada di Vado Ligure, battente bandiera Marshall Island, è stata fermata in seguito a una lunga e complessa ispezione a bordo. La nave, è risultata carente sotto il profilo della sicurezza della navigazione e pertanto non potrà riprendere il mare fino a quando le azioni correttive, intraprese dall’equipaggio e dalla compagnia di navigazione, saranno giudicate conformi alle convenzioni internazionali.

Continua quindi l’attività di controllo delle navi per i militari della Guardia Costiera di Savona, che pone al centro la sicurezza della navigazione marittima. In questo contesto, il nucleo “Port State Control” della Capitaneria di porto di Savona ha effettuato dall’inizio dell’anno più di 90 ispezioni a bordo di navi straniere in diversi ambiti di cui 25 sotto l’egida del Memorandum di Parigi andando, nel complesso, a riscontrare più di 100 non conformità.

L’attività, ha fatto sì che 7 navi sono state poste sotto fermo amministrativo. Questo accade quando gli ispettori riscontrano a bordo lacune di sicurezza talmente gravi da dover re-ispezionare la nave prima della sua partenza.

I controlli condotti a bordo abbracciano diversi argomenti, solo per citarne alcuni: sicurezza antincendio, salvaguardia della vita umana in mare, preparazione degli equipaggi, condizioni di vita e di lavoro a bordo, sicurezza delle operazioni di scarico e carico merci, sicurezza contro atti illeciti, trasporti non autorizzati e, non da ultimo, la tutela dell’ambiente marino.

Di particolare rilievo è risultata l’emanazione, avvenuta all’inizio dell’anno in corso, di un provvedimento di bando a carico di una nave battente bandiera camerunense. La nave in questione, avendo ricevuto 3 fermi amministrativi negli ultimi 24 mesi, non potrà, per un lungo periodo, accedere in nessun porto comunitario, in quanto non affidabile e potenzialmente rischiosa.

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *