Attualità Genova

Genova: al via i lavori per nuovi uffici green del Ministero dell’Interno

L’Agenzia ha siglato il contratto per la progettazione relativa alla riqualificazione e rigenerazione della  “Caserma Nino Bixio” di Genova con il raggruppamento di professionisti costituito da Progetto CMR SRL e Politecna Europa ad esito di una procedura di gara europea. L’area della caserma si trova nella zona ovest di Genova e ospita il VI Reparto Mobile della Polizia di Stato. L’intervento di progettazione fa parte della realizzazione della nuova sede di tre amministrazioni del Ministero dell’Interno (l’Ufficio Immigrazione della Questura di Genova, l’Ufficio Passaporti e la Polizia scientifica) consentendo alle amministrazioni statali di dotarsi di adeguati spazi lavorativi, aree verdi e parcheggi. La proposta sviluppata prevede infatti specifiche soluzioni atte a garantire la certificazione di sostenibilità ambientale LEED con un punteggio atteso almeno pari al GOLD e sarà conforme ai criteri del protocollo WELL. In particolare saranno piantumati più di 50 alberi e arbusti con ridotto uso idrico, autoctone e anallergiche, il restante spazio esterno sarà costituito da superfici completamente permeabili, il tetto verde sul costruito completa il quadro. I materiali utilizzati saranno VOC FREE, recuperabili a fine vita e contribuiranno a creare un assoluto comfort indoor. Verranno istallati 300 pannelli fotovoltaici che garantiranno oltre il 55% del fabbisogno di energia degli edifici che sarà ulteriormente ridotto del 20% grazie a elementi di facciata particolarmente performanti, il tutto permetterà di abbattere l’emissione di CO2 del 40%; altrettanta attenzione è stata dedicata alla riduzione, oltre il 35%, di consumo di acqua potabile. La consegna del progetto definitivo è prevista per giugno 2023. La riallocazione delle tre amministrazioni statali consentirà la chiusura di due locazioni passive, generando un risparmio complessivo annuo per lo Stato di circa € 990.000,00.

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *