Economia Genova Savona Vado Ligure

Occupazione, sicurezza, qualità: le opere per il benessere del Paese. Più di 40 i cantieri attivi nei porti di Genova-Savona Vado

“La parte pubblica ha un compito preciso. Fare sì che le risorse dei cittadini vengano impegnate per realizzare opere che assicurino sviluppo, competitività e benessere al Paese” con queste parole si apre l’intervento del Presidente Signorini al XVI Congresso Provinciale FILLEA CGIL che si è svolto il 7 dicembre nei locali dell’Autorità Portuale CRAL a Genova.

 

In questo momento sono più di 40 i cantieri attivi nei porti di Genova, Savona e Vado Ligure. In alcuni si sta costruendo il porto dei prossimi 50 anni, basti pensare alla nuova diga foranea, allo sviluppo del settore della cantieristica e delle riparazioni navali, al complesso di interventi infrastrutturali che ridisegneranno l’accessibilità marittima, stradale e ferroviaria degli scali del sistema del Mar Ligure Occidentale. Un programma di investimenti così imponente attiva il coinvolgimento di numerose imprese e lavoratori.

“L’aumento dell’occupazione è un aspetto rilevante, ancora di più se imprese e lavoratori sono coinvolti nella realizzazione di opere strategiche che garantiscono un futuro alla nostra città.” – prosegue il Presidente dell’AdSP – “E in questo quadro il PNRR ha fornito un insieme di norme e misure all’avanguardia sui temi della sicurezza, della qualità del lavoro, del controllo di legalità e della formazione. Se prendiamo a esempio la nuova diga foranea, sono previsti, fra gli altri, obblighi assunzionali nei confronti di giovani e donne da parte degli aggiudicatari.”

A conclusione dell’intervento, il Presidente Signorini ha ricordato la firma del Protocollo di intesa per la realizzazione della Nuova Diga Foranea di Genova tra il Commissario Straordinario e i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, auspicando che le modalità di conduzione dei cantieri delle opere in realizzazione nel porto di Genova diventino un modello nazionale.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *