Attualità Politica

Filt CGIL Savona: “Totalmente insufficiente quanto presente in finanziaria relativamente al trasporto pubblico locale”

La Filt Cgil considera totalmente insufficiente quanto presente in finanziaria relativamente al trasporto pubblico locale, 100 milioni per il 23 e 250 per il 24 non bastano sicuramente a risollevare e rilanciare uno dei settori che durante gli anni di pandemia ha sofferto più di tanti altri”. Lo afferma la Filt CGIL Savona.

“Piccole aziende come TPL linea Savona hanno bisogno di più aiuti per poter bilanciare quanto rischia di essere il debito a bilancio di un 2022 che con l’aumento del gasolio e la coda della crisi pandemica rischia di compromettere la sostenibilità economica dell’azienda. Servono finanziamenti utili ad un rilancio del settore, un settore che è fondamentale per le fasce più deboli della popolazione che molto spesso usano il mezzo pubblico per la mancanza di risorse economiche e che rende il mezzo pubblico il mezzo di chi non ha altri mezzi – prosegue la nota – Altra nota dolente è la completa mancanza nella parte riguardante trasporti e infrastrutture di un capitolo riguardante il sistema funiviario Savona Cairo dove siamo fermi ad un commissariamento (che peraltro per ora non dà segni di avanzamento) da parte di Adsp e alla totale mancanza di una progettualità che dia una prospettiva di sviluppo dell’infrastruttura con la creazione di un sistema ferro-fune atto a valorizzare i parchi di stoccaggio di san Giuseppe e aiutare lo scalo portuale Savonese a diventare protagonista sul tema delle rinfuse“.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *