Attualità

Giornata mondiale della disabilità, Toti: “Giornata per ricordare a tutti noi quanto le politiche sulla disabilità ci debbano accompagnare ogni giorno”

“Questa è una giornata importante per ricordare a tutti noi quanto le politiche sulla disabilità, e tutti gli investimenti necessari su questo tema, ci debbano accompagnare ogni giorno. In questi anni ci siamo impegnati e abbiamo compiuti molti sforzi e interventi per mitigare il disagio e la difficoltà di tante persone nel riuscire ad avere uno stile di vita autonomo e indipendente, anche per quanto riguarda la formazione professionale per l’inserimento delle persone nel mondo del lavoro. Credo che la misura della civiltà e della capacità di un Paese di fare comunità si possa valutare esattamente da questo tipo di politiche, sulle quali dobbiamo sforzarci sempre di più. L’obiettivo è quello di rendere tutti i luoghi, non solo scuole, case e posti di lavoro, ma anche quelli di intrattenimento e quelli legati allo sport, alla portata di tutti i cittadini, quali che siano le loro condizioni. Ci vorrà tempo, ma questo è un traguardo che ci vede tutti impegnati in modo unito: faremo tutto il possibile, senza sprecare nessuna delle risorse che abbiamo a disposizione”.
Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti intervenendo in videocollegamento al convegno “Un giorno per tutti… I giorni – Sfide, abilità, opportunità”, organizzato da Regione Liguria in occasione della Giornata mondiale della disabilità.
“Stiamo lavorando al Nuovo patto di sussidiarietà area disabili 2022, che è in fase di co-progettazione in questo momento e che verrà presentato a livello esecutivo entro fine anno – spiega l’assessore alle Politiche sociale e Terzo settore Giacomo Giampedrone- Un piano che prevede un investimento di circa 700mila euro e che, rispetto alla scorsa edizione, ha visto un incremento delle manifestazioni di interesse da parte degli enti attuatori dei progetti. Oltre a questo il Nuovo patto di sussidiarietà prevede un approccio innovativo per quanto riguarda l’integrazione sociosanitaria: vogliamo coinvolgere il maggior numero di persone disabili sul territorio e realizzare una inclusione sempre più diffusa e capillare”.
“Oggi è la giornata della disabilità ed è importante soffermarsi su tutte le tematiche che la riguardano, ma la disabilità c’è tutti i giorni – aggiunge l’assessore alla Sanità Angelo Gratarola- Sostengo che la civiltà dell’uomo è massima quando ci prendiamo cura degli altri e lo è soprattutto quando ci prendiamo cura dei più fragili. E quindi il mio assessorato, e l’assessorato alle Politiche Sociali del collega Giacomo Giampedrone, lavorano e lavoreranno fianco a fianco proprio per superare le difficoltà che i disabili e le loro famiglie incontrano quando cercano risposte nel sociale, nel sociosanitario e nel sanitario. Tutto deve avvenire in maniera semplificata, occorre evitare quello che in maniera metaforica viene definito l’effetto flipper, girare cioè da un posto all’altro per ottenere servizi. Di tutto questo ne terremo conto nel nuovo piano socio sanitario regionale su cui stiamo lavorando. Questo è il nostro compito e cercheremo di fare tutto il possibile per assolverlo con le risorse che abbiamo, è un segno di civiltà e di maturità di una società”.
A livello complessivo, nel primo semestre 2022 sono stati avviati in Liguria 794 progetti di Vita indipendente, 1778 per la Disabilità gravissima, e 994 per la Disabilità grave, e sono 1442 i beneficiari del contributo di Solidarietà per la residenzialità e semi residenzialità per uno stanziamento complessivo di oltre 46 milioni di euro.
Oltre a questo, sempre nel primo semestre 2022, sono stati avviati 234 progetti “Dopo di noi” di inclusione e accoglienza familiare per uno stanziamento complessivo di oltre 2,5 milioni di euro.
Regione Liguria inoltre ha stanziato 395mila euro per progetti sperimentali per la diffusione di servizi di interpretariato in lingua dei segni italiana e di video interpretariato a distanza. Il progetto ha due obiettivi: migliorare l’accessibilità dei servizi sanitari e sociosanitari del territorio ligure per le persone sorde attraverso la definizione, sperimentazione ed implementazione di un modello di servizio integrato e supportato dalle tecnologie tramite percorsi formativi destinati a oltre 300 figure professionali in Liguria tra formatori, medici, infermieri, operatori socio-sanitari e personale di front-office); fornire la strumentazione tecnologica che supporti l’accesso e la fruizione dei servizi da parte delle persone sorde.
Nel 2022 sono stati stanziati oltre 8 milioni di euro per interventi e progetti dedicati all’inclusione della persona con disabilità (Nuovo patto di sussidiarietà, Progetto ausili sportivi, Turismo accessibile, Progetti di inclusione sociale, Fondo autismo, Contributi per la tutela e la promozione sociale dei mutilati degli invalidi civili e degli handicappati, Formazione assistenti alla persona pazienti affetti da SLA, Caregiver), compresi i 950mila euro relativi al progetto sport inclusivo, avviato nel 2021 ma ancora in corso.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *