Albisola Cronaca

Albisola, ubriaca e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti maltrattava la madre: fermata una donna di 42 anni

Maltrattava ripetutamente l’anziana madre, presentandosi quotidianamente presso la sua abitazione ubriaca e sotto l’evidente effetto da abuso di sostanze stupefacenti, costringendola a lavarle i vestiti e insistendo continuamente, anche con tono aggressivo, per ottenere piccole somme di denaro (circa 20 euro al giorno). Il tutto offendendola ripetutamente.

A mettere in atto questi comportamenti, i quali andavano avanti da tempo e si ripetevano anche di fronte ai figli dell’indagata, una 42enne di Albisola Superiore.

Nelle scorse settimane la situazione è stata portata all’attenzione dei Carabinieri albisolesi che, molto rapidamente, hanno svolto le necessarie indagini per raccogliere elementi di prova precisi e hanno richiesto all’Autorità Giudiziaria l’emissione di un provvedimento restrittivo nei confronti della responsabile dei comportamenti violenti.

La donna, purtroppo, non ha cambiato condotta nemmeno dopo che le era stato imposto il divieto di avvicinarsi alla madre e, anzi, il giorno successivo all’esecuzione della misura, ha nuovamente raggiunto la madre in un esercizio commerciale facendosi consegnare, dopo varie minacce, un’ulteriore piccola somma di denaro.

Anche in questo caso, i Carabinieri hanno rapidamente raccolto gli elementi di prova necessari (comprese le immagini delle telecamere di sorveglianza che avevano perfettamente ripreso il momento della consegna del denaro) e segnalato il tutto all’Autorità Giudiziaria che, concordando con le risultanze investigative raccolte, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita in data odierna.

Il procedimento è attualmente nella fase preliminare e i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità dell’indagato, non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’Autorità Giudiziaria“, dicono i Carabinieri.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *