Politica Savona

Savona, sabato manifestazione in difesa del punto nascite del San Paolo: in piazza anche la CGIL

La Cgil scende in campo per la difesa e il potenziamento della sanità pubblica. L’appuntamento è previsto per sabato 19 novembre alle ore 16 in piazza Pertini a Savona.

“Il sindacato si mobilita per la difesa della sanità pubblica e per il potenziamento dei servizi e delle attività socio sanitarie in tutto il territorio savonese. Cittadinanza e istituzioni, a partire dai sindaci dei comuni del savonese, sono invitati a partecipare e protestare contro un disegno regionale che penalizza la sanità pubblica”, spiegano dalla Cgil Savona.

“Il territorio savonese vive da troppo tempo in condizioni di criticità non più accettabili sia per i cittadini sia per chi lavora con impegno e dedizione per offrire un servizio che è sempre più disallineato rispetto alle necessità delle persone. E’ ora di dire basta a scelte calate dall’alto, senza discussione, senza interlocuzione tra Regione Liguria e territorio. E’ ora di dire basta alla chiusura di servizi e il ridimensionamento di attività fondamentali: i Punti di Primo Intervento di Cairo Montenotte e d Albenga, il Punto Nascite di Pietra Ligure e ora addirittura il 118, nonché il Punto nascite dell’ospedale San Paolo di Savona”.

“Sabato pomeriggio saremo in piazza Pertini, come già avvenuto per altre iniziative simili in provincia, per sostenere la mobilitazione del territorio e per ribadire la nostra posizione. Così come già accaduto per le mobilitazioni ad Albenga, Cairo Montenotte e a Roma lo scorso 29 ottobre, la Cgil sarà presente per chiedere un nuovo modello di sanità in Liguria che preveda investimenti e non chiusure di servizi e reparti”.

“La tenuta dell’offerta sociosanitaria del nostro territorio è sempre più in difficoltà e rischia di uscire in condizioni molto difficili dalla crisi sanitaria in corso. Serve una sanità pubblica di prossimità (nell’ospedale e nel territorio) per i cittadini, donne, uomini, giovani, pensionati che garantisca il diritto alle prestazioni e un servizio di qualità anche con il rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori – conclude la Segreteria Confederale della Cgil Savona – È indispensabile un ripensamento delle politiche socio sanitarie da parte della Regione Liguria , rimettendo al centro la qualità dell’assistenza e la presa in carico delle persone”

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *