Attualità Genova e provincia

Il Cimitero Monumentale di Lavagna ottiene la Certificazione dell’Associazione ASCE

Durante la seduta della Giunta Comunale, tenutasi l’11 febbraio 2022, era stata deliberata l’adesione del Cimitero Monumentale di Lavagna all’Associazione ASCE (Association of Significant Cemeteries in Europe). Questo Organismo Europeo no profit dedicato ai Cimiteri Storico – Monumentali su rete internazionale, costituita a Bologna nel 2001, collega oltre 180 Cimiteri di 22 Paesi in tutta Europa. Una rete europea di realtà pubbliche e private costituitasi a Bologna nel 2001 e che ha come finalità la valorizzazione storica e artistica dei cimiteri come beni culturali, attraverso forme di cooperazione nelle attività di promozione, protezione, restauro e manutenzione.

La sua azione, volta alla promozione, alla protezione, alla manutenzione e alla
valorizzazione storica e artistica dei Cimiteri, in chiave turistica e come Beni
Culturali, si integra perfettamente con i progetti dell’Amministrazione Comunale di
Lavagna. Il Cimitero Staglieno di Genova, il Monumentale di Treviso, la Certosa di Bologna, il Verano di Roma, il Monumentale di Milano, la Certosa di Ferrara, il Monumentale di Torino, il Monumentale di Mantova, il Cimitero della Villetta di Parma, il Monumentale di Verona, il Cimitero di Bolzano, il San Cataldo di Modena, il Monumentale di Treviso e il Monumentale di Trento, sono Cimiteri storici e
significativi italiani già membri dell’Associazione.

“Oggi, con grande soddisfazione, possiamo, ufficialmente, affermare che anche il
Cimitero Monumentale del Comune di Lavagna è divenuto membro dell’Associazione ASCE, che è depositaria dell’Itinerario culturale del Consiglio d’Europa: European Cemeteries Route e che ogni anno organizza una serie di iniziative in occasione della “Settimana alla Scoperta dei Cimiteri Europei”. Con questa importante Certificazione, la volontà dell’Amministrazione è quella di accrescere la valorizzazione storico-artistica e turistica della città e di inserirla nei percorsi legati al Turismo Cimiteriale, che ad oggi conta migliaia di appassionati, mediante iniziative programmate” dichiara il Sindaco Gian Alberto Mangiante.
Tra le azioni svolte e pianificate dall’attuale Amministrazione, emergono, infatti, la
promozione e l’organizzazione di iniziative di rilevanza turistica e d’interesse per la
comunità, volte alla valorizzazione del patrimonio artistico della Città di Lavagna,
che comprende anche il Cimitero Urbano.

Situato sull’area collinare dietro la Basilica di Santo Stefano, il Cimitero Urbano di
Lavagna è considerato il secondo Cimitero Monumentale più importante della Città
Metropolitana di Genova, dopo il Cimitero di Staglieno locato nel capoluogo ligure.
Infatti, risale al 1810 e custodisce un patrimonio artistico di rara bellezza, dalla
maestosità delle Cappelle a quella dei Depositi funebri, dalle statue ai busti. È
suddiviso in due parti: nel “Cimitero vecchio” si trovano tombe monumentali in
marmo di grande valore risalenti all’800, mentre nell’area “nuova” i simboli
risentono del corso culturale Liberty e Decò. Nei decenni, grandi artisti hanno
contribuito a rendere immortale la bellezza di questo luogo con le loro preziose
opere: dai Laboratori dei Maestri Repetto e Bianchi, agli scultori Brizzolara,
Ersanilli, Borrelli e Dallorso (autore anche di un bellissimo volume dedicato al
Cimitero).
“Sono felicissimo del fatto che il Comune di Lavagna faccia parte dei Cimiteri
storici e significativi italiani, perchè l’obiettivo di questa Associazione è quello di
riconoscere i Cimiteri monumentali come parte fondamentale del patrimonio culturale europeo per storia, arte e architettura, al fine di tutelarli, valorizzarli e migliorarne la gestione. E questo significa che il Cimitero Monumentale di Lavagna, che è un vero e proprio museo a cielo aperto, una concentrazione di sculture che sono opere dei migliori Scultori, è stato riconosciuto come Cimitero Storico-Monumentale. Il Cimitero di Lavagna vive un’atmosfera intrisa di storia, di memorie, ma anche di eleganza e bellezza”.

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *