Cronaca Genova

Condannati “Leoni da tastiera” che avevano minacciato e insultato Matteo Bassetti: “Adesso sono diventati tutti agnellini”

Come promesso, non ho mai mollato ed i frutti, piano piano, arrivano. Con il mio Avvocato abbiamo denunciato ogni singola minaccia e frase diffamatoria che, in questi due anni e mezzo, sono state pubblicate sulle mie pagine social, inviate via mail o, addirittura, urlate personalmente sotto casa o in altri luoghi pubblici e no”. Lo ha reso noto Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie Infettive del San Martino di Genova.  “Per alcuni sono stati formulati i capi di imputazione e notificati i rinvii a giudizio, altri sono stati già condannati con decreti penali ormai definitivi. I leoni da tastiera sono diventati agnellini che si prodigano in lettere di scuse poco credibili pur di non assumersi le proprie responsabilità. I risarcimenti saranno devoluti in beneficienza ma non arretro di un millimetro sulle mie posizioni. E’ giunta anche l’archiviazione definitiva di un procedimento che mi vedeva indagato per procurato allarme in merito alle notizie sulla pandemia da COVID19. Secondo il querelante, avrei divulgato “antiscienza”. Ha scritto il GIP nel suo decreto: “ad esempio la necessità di sottoporsi a vaccino, contro cui l’opponente si scaglia, non è certo l’opinione del solo Prof. Bassetti che la sostiene nel panorama scientifico non solo italiano ma mondiale”. ha concluso Bassetti commentando le sentenze che hanno portato ad una multa di 750 mila euro nei confronti di un no vax di 46 anni che lo aveva inseguito e minacciato ad agosto; altri due no vax sono stati condannati a tre mila euro e a 1.200 euro per le minacce rivolte all’infettivologo sui social.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *