Attualità

Caro prezzi, venerdì l’agricoltura scende in piazza

Alla vigilia del nuovo rincaro delle bollette, con la fiducia delle imprese che, secondo l’Istat, ha raggiunto i minimi da aprile 2021, l’agroalimentare italiano è il primo a scendere in piazza nella nuova legislatura, con migliaia di contadini pronti a denunciare, con tano di animali e prodotti tipici al seguito, una situazione ormai insostenibile, che minaccia il lavoro, l’economia e la sopravvivenza del Made in Italy sulle tavole a causa dell’esplosione dei costi di produzione scatenata dalla guerra in Ucraina.

Appuntamento venerdì 30 settembre a partire dalle ore 9:30 a Milano, all’interno di Parco Sempione, presso l’Arco della Pace. Qui la protesta, tra flash mob e provocazioni, sarà guidata dal presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, accompagnato da giovani agricoltori, allevatori e pastori muniti di vanghe, campanacci e balle di fieno e provenienti dalle diverse Regioni d’Italia, compresa la Liguria, che ogni giorno sempre di più vedono messo a rischio il proprio futuro. Simbolo della manifestazione è l’asinella Terra.

“Saranno migliaia gli agricoltori di tutta Italia che questo weekend, in occasione del Villaggio Coldiretti (30 settembre – 2 ottobre) verranno a Milano per far conoscere i primati della tavola Made in Italy a rischio – commentano Gianluca Boeri Bruno Rivarossa, Presidente di Coldiretti Liguria e Delegato Confederale – prendendo parte alla più grande fattoria mai realizzata nel centro di una città, comprensiva di maxi mercato contadino, street food a km0, pet therapy con gli animali della fattoria, agrichef ai fornelli, agriasilo, eccellenze agroalimentari di Filiera Italia, innovazioni tecnologiche a basso impatto ambientale e prodotti del social farming. Un patrimonio da primato mondiale dell’Italia che rischia, purtroppo, di scomparire sotto la pressione della crisi”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *