Cronaca

Onzo, la Guardia di Finanza sequestra una piantagione di cannabis

I Finanzieri del Comando Provinciale di Savona hanno individuato una piantagione di cannabis, coltivata nel giardino dell’abitazione di un 55enne italiano, già noto alle forze di polizia per detenzione di sostanze stupefacenti.
In particolare, i militari della Compagnia di Albenga, nel corso di un servizio mirato alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, hanno accertato la presenza nel terreno di pertinenza dell’abitazione dell’uomo, ubicata nell’entroterra di Onzo, di una decina di piante di canapa indiana,
genere cannabis, dell’altezza di oltre due metri con presenza di rigogliosa infiorescenza.

Le piante erano accuratamente nascoste nella rigogliosa vegetazione e venivano annaffiate dal proprietario con un sistema di irrigazione appositamente predisposto. L’abitazione del soggetto è stata quindi sottoposta a perquisizione, che ha consentito di rinvenire circa mezzo chilogrammo di sostanza stupefacente, tra marijuana e hashish, suddiviso in sacchetti e vasetti di vetro, occultati
in cucina e nel soggiorno di casa.

Il soggetto è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Savona, per il reato di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e psicotrope, mentre la sostanza stupefacente e le piante di cannabis sono state sottoposte a sequestro.

La sostanza stupefacente, se immessa sul mercato illegale, una volta portata ad essiccazione, avrebbe fruttato un illecito profitto di oltre 6.000 euro.
Il procedimento è attualmente nella fase delle indagini preliminari ed i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità dell’indagato, non essendo stata assunta alcuna decisione di merito definitiva sulla
responsabilità della persona sottoposta ad indagini. L’intervento delle Fiamme Gialle conferma ancora una volta l’impegno del Corpo a tutela della legalità e per la repressione della coltivazione, traffico e commercializzazione di sostanze stupefacenti.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *