Attualità Genova

Sono 900 i bambini ucraini inseriti nelle scuole liguri

“Sono state oltre 700 le richieste di informazioni giunte nelle ultime due settimane al numero verde 800 938 883 o attraverso i 26 Sportelli dei consumatori attivati nell’ambito del sistema di seconda accoglienza organizzato e messo a disposizione da Regione Liguria per i profughi ucraini: questi strumenti si confermano importanti punti di riferimento, capaci di intercettare le esigenze concrete dei cittadini giunti nella nostra regione”.

Lo comunicano il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, l’assessore all’Istruzione e alle Politiche socio sanitarie Ilaria Cavo e l’assessore alla Protezione civile Giacomo Raul Giampedrone.

“Il numero verde – spiega il presidente – è stato contattato principalmente per chiedere informazioni sul sussidio e su come accedere agli alloggi. Sta cominciando a prendere piede il servizio di mediazione linguistica da parte degli addetti madrelingua contattabili tramite il numero verde, che vengono richiesti soprattutto dalle strutture scolastiche o da altre istituzioni per effettuare traduzioni simultanee rivolte ai profughi con cui queste realtà vengono in contatto. La maggior parte delle telefonate arriva comunque da cittadini liguri che ospitano i profughi per avere indicazioni su come poterli aiutare, soprattutto a livello burocratico”.

“Sono circa 900 invece i bambini e ragazzi ucraini che, dall’inizio dell’emergenza, sono stati inseriti nel percorso scolastico, dai 3 ai 18 anni di età, mentre i circa 20 facilitatori linguistici, presenti in 31 scuole della Liguria, hanno mediato l’inserimento di circa 288 bambini – aggiungono gli assessori all’Istruzione e alla Protezione civile – Le richieste continuano ad arrivare, sia da parte di nuove persone in arrivo sia da parte di chi è conscio di dover prolungare la propria presenza. Solo in quest’ultima settimana sono andate a buon fine 30 iscrizioni di bambini a scuola mediate e gestite dal sistema messo in campo da Regione Liguria”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *