Politica

Treni del mare, l’assessore regionale Berrino: “Chiesto a Trenitalia di allungare il percorso fino a Ventimiglia”

“L’offerta dei treni, in vista della stagione turistica primaverile ed estiva è stata implementata con i treni del mare provenienti da Milano verso la Riviera di Ponente. A questi si aggiungono i treni del mare programmati da Regione Piemonte da Torino. Nel weekend dalla Lombardia due coppie di treni fino a Ventimiglia e uno ad Albenga. Dal Piemonte la domenica tre coppie di treni provenienti da Torino raggiungono Albenga ed uno Imperia. Per questi treni, coordinati da Regione Piemonte, abbiamo già avviato una serie di richieste a Rfi e Trenitalia per poterli fare arrivare fino a Ventimiglia, garantendo cosi un potenziamento del servizio a tutto il ponente. Ugualmente è stato chiesto di poter portare fino a Ventimiglia i treni provenienti da Milano che ad oggi si fermano ad Albenga”.

Così l’assessore regionale ai Trasporti e al Turismo fa il punto della situazione dei Treni del mare.

“Negli anni scorsi Rfi non era riuscita a garantire le tratte per poter portare tutti i treni del mare fino a Ventimiglia, sia a causa della mancanza di slot disponibili per il permanere del binario unico tra Finale e Ancora, sia per la mancanza di slot in entrata e uscita dalla stazione di Ventimiglia – aggiunge Berrino – Rispondendo a chi pensa che vi siano motivi legati a scelte politiche o a mancanza di attenzione alle esigenze del territorio, dico che non c’è nessun intento di sacrificare turisticamente area molto importanti come la Riviera di Ponente. Speriamo che Rfi trovi la soluzione per poter garantire l’allungamento dei treni del mare i fino a Ventimiglia, poiché non è un problema di risorse economiche o di scelte politiche, ma solo tecnico”.

“Infine abbiamo in corso un’ interlocuzione con Trenitalia lunga percorrenza – conclude Berrino – per avere un potenziamento dell’offerta di treni a mercato sulla tratta Milano- Genova-Ventimiglia e per accorciare i tempi di percorrenza sulla tratta Genova-Roma”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *