Alassio Politica

Alassio, approvata la variante al piano di utilizzo delle aree demaniali marittime

Ad Alassio il Consiglio Comunale di giovedì scorso ha approvato una variante al Piano di Utilizzo delle aree demaniali marittime: “un primo passo – come ha riferito in Consiglio Francesca Schivo, Consigliera incaricata al Demanio – verso una gestione sempre più innovativa e propositiva degli spazi demaniale e delle concessioni”.

“La strada è ancora lunga e ci sono passaggi che non sono di nostra competenza, per i quali dovremo dialogare con la Regione, ma anche accompagnare i privati in un percorso di ridisegno dei concetti di accoglienza e di un servizio dal quale la Città di Alassio non può prescindere”.

L’Amministrazione Comunale – si legge sulla delibera – vista la crescente domanda di punti di ristorazione in fregio all’arenile, ravvisa, al fine di potenziare l’offerta turistico-ricettiva balneare, la necessità di modificare il vigente PUD Progetto di Utilizzo delle Aree Demaniali Marittime del Comune di Alassio. Le linee di indirizzo seguite nella predisposizione degli elaborati progettuali di modifica al PUD vigente, sono quelle di apportare una modifica all’art. 5 quater della Relazione Descrittiva e parte normativa, prevedendo la possibilità d’incrementare la superficie per posa sedie e tavolini da adibire alla somministrazione di alimenti e bevande ed un utilizzo del patrimonio demaniale degli stabilimenti balneari anche oltre gli orari di balneazione”.

“In sostanza – spiega Schivo – si tratta di modifiche portate dalla volontà di agevolare la piena fruizione della spiaggia e di offrire maggiori servizi all’utenza. La prima riguarda il fatto che in precedenza veniva concessa la posa di tavolini e sedie su una superficie grande, al massimo il 30% della superficie già coperta da strutture della concessione. Un limite a nostro avviso limitante. Salvaguardando la vocazione balneare delle concessioni andremo a limitare l’area al 30% dell’intera concessione e non solo di quella coperta”.

“Inoltre in precedenza il servizio a bar e tavolini – prosegue la Consigliera – era strettamente connesso e vincolato agli orari di apertura dello stabilimento balneare. Abbiamo voluto ampliare l’orario di apertura del servizio svincolandolo a quello della balneazione e previsto anche la possibilità di apertura al di fuori della stagione estiva per gli stabilimenti elioterapici per una migliore offerta turistica durante tutto l’anno. Infine se in precedenza veniva indicata e prevista esclusivamente la figura del concessionario, ora il piano è stato allargato anche alla figura del gestore, equiparato al concessionario vero e proprio”

“Abbiamo toccato un tema molto sentito – conclude Schivo – che coinvolge direttamente e indirettamente la popolazione alassina. Non è la soluzione definitiva, come dicevo, c’è molto su cui lavorare. E molto sta facendo su questo fronte anche la Regione. Per quanto ci riguarda con questa delibera abbiamo aggiornato il PUD a breve rivedremo anche le ordinanze demaniali”.

Di ieri un’altra importante deliberazione della Giunta Regionale che demanda ai Comuni, in funzione dell’evoluzione dello scenario epidemiologico la concessione di spazi, da utilizzare per la realizzazione di dehors, ricadenti in aree demaniali marittimi e di stabilire che, sempre i Comuni, possano autonomamente valutare l’effettiva necessità e opportunità di rilasciare le concessioni di cui sopra, salvaguardando prioritariamente la necessità di garantire la libera percorrenza dei percorsi pubblici sul mare (belvederi e passeggiate), la libera accessibilità alle spiagge dagli stessi e l’accessibilità alla spiaggia da parte di soggetti disabili, senza alcun ostacolo dovuto dalla presenza dei dehors.

“Una delibera che apre a nuovi scenari – aggiungono dall’Amministrazione Melgrati Ter – su cui poter lavorare per il futuro turistico della nostra splendida città”.​​

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *