Politica

Balneari, Ripamonti (Lega): “Servirà il contributo di istituzioni, categorie del settore ed enti locali perché ognuno possa individuare un perimetro di manovra”

Dare al comparto balneare la forza strategica di una visione globale che non si limiti all’ esclusivo aspetto delle concessioni, ma che abbia la forza di ammodernare e ristrutturare l’intero demanio marittimo. Questa è la proposta che la Lega, grazie alla disponibilità ed all’impegno del sottosegretario Gian Marco Centinaio e dell’avvocato Cristina Pozzi, andrà definendo nelle prossime settimane e che consentirà un nuovo e non più ridotto approccio alle difficoltà che ancora impediscono una reale autonomia di impresa di un settore capace di recitare un ruolo fondamentale nello sviluppo internazionale del nostro Paese. Ripensare dunque ad una nuova mappatura del demanio marittimo, così da fornire soluzioni adeguate a chi chiede verifiche continue e che possa smascherare quegli interessi corporativi che mirano a fiaccare e a depotenziare una eccellenza italiana. Servirà il contributo di istituzioni, categorie del settore ed enti locali perché ognuno possa individuare un perimetro di manovra così da giungere ad una sovrapposizione con le richieste dell’Unione Europea e consentire uno sviluppo equilibrato ed armonico di tante realtà imprenditoriali, preziose risorse del nostro Paese”.

Così il senatore ligure della Lega Paolo Ripamonti, vicepresidente della commissione Industria a Palazzo Madama.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *