Attualità Celle Ligure Varazze

Riviera del Beigua Sostenibile: 450 studenti approfondiscono la tematica

Sostenibilità ambientale e un serio impegno di adulti e giovani di prendersi cura della natura che ci circonda, sempre più minacciata. Sono i temi di grande attualità  che caratterizzano la manifestazione del Rotary Varazze Riviera del Beigua chiamata #rivieradelbeiguasostenibile in svolgimento il 12 ottobre a Varazze e il 13 ottobre a Celle Ligure con 450 studenti tra i 9 e i 14 anni. Per approfondire tali argomenti di interesse generale e generazionale, il Rotary Varazze Riviera del Beigua ha sottoposto a tre esperti che collaborano all’iniziativa, due argomenti di riflessione.

A rispondere sono Lorenzo Ravano, presidente della Protezione civile di Varazze, Alberto Sarti vicedirigente settore secondarie di primo grado Istituto Comprensivo N. Mandela Varazze-Celle, e Giacomo Emanuele Tomasello, Regional sales supervisor presso B.Braun Group, che fornisce materiale per la manifestazione.

Ecco gli spunti di riflessione proposti dal Rotary.

  1. Sull’ambiente siamo spesso assaliti da espressioni di moda che nascondono tanto vuoto. Come spiegare ai giovanissimi il concetto di “sostenibilità” che li spinga a comportamenti veramente virtuosi e utili?
  2. Iniziative come quella del Rotary a Varazze e Celle puntano ancora una volta sulle nuove generazioni. Sovente, tuttavia, sono gli adulti ad aver bisogno di qualche consiglio in più: pensiamo seriamente alla spiaggia e abbiamo veramente cura del nostro litorale e del mare a noi più vicino?

 

Ecco le loro risposte.

 

Lorenzo Ravano

“Sostenibilità… ossia rendersi conto che anche in un momento di apparente ricchezza e’ buona pratica non sprecare nulla. Il cibo, l’acqua, l’energia sono tra i benefit di cui godiamo senza sforzo per ottenerli. Eppure l’equilibrio della nostra vita passa anche per piccoli gesti come quello di non sprecare mai quello che abbiamo. L’ambiente, nella fattispecie il mare e il litorale, va rispettato sempre”.

Per quanto riguarda gli adulti, mah… probabilmente non abbiamo abbastanza rispetto. La generazione dei genitori di oggi dovrebbe essersi sentita ripetere spesso che il mare e il litorale sono in prestito. Dovremmo usufruirne come se fossimo a casa nostra, nella quale sicuramente non lasciamo sporco senza controllo. Questi concetti toccano anche il rispetto reciproco e la convivenza, che dovremmo tenere presente in ogni nostra azione quotidiana. Ma non è sempre così. Quindi non ci stanchiamo di coinvolgere i giovani nella speranza che facciano proprio qualche concetto-base di rispetto della natura. Affinchè lo tengano stretto a lungo”.

 

Alberto Sarti

 “I giovani sono recettivi, sanno cogliere l’essenza delle problematiche. Invece gli adulti, in genere, si riempiono di terminologie vacue che tendono solo a sortire clamore. Ma i comportamenti invece, spesso sono antitetici a quelli espressi con quelle parole. Ai giovani serve dare una spiegazione plausibile avallata da atteggiamenti coerenti. L’attività programmata, oltre a dare loro una reale testimonianza di ciò che accade quando non ci si attiene alle normali regole del comportamento civile, come lo è abbandonare rifiuti in un’area pubblica, vuole sensibilizzarli a preservare il territorio partendo dal concetto che ciò che è pubblico non appartenga ad un’entità astratta, ma è di tutti noi. E ognuno nel suo piccolo può  fare molto. In questo senso saranno fondamentali le interlocuzioni con esperti biologi marini e del territorio che, durante l’attività, interverranno per sensibilizzare i giovani futuri gestori del territorio stesso su quanto sia prezioso e indispensabile conoscere e rispettare la natura.”

“Riguardo agli adulti, penso che saranno educati dai giovani perché in questi casi le abitudini consolidate difficilmente si riescono a modificare senza un impulso affettivo rilevante. E, e frequentemente, non basta neppure quello. Probabilmente si dovrà attendere che i giovani educati si insedino al posto degli adulti non educati.…”.

 

 

Giacomo Emanuele Tomasello

La sostenibilità è un importante principio guida delle attivita’ aziendali di B.Braun. In aggiunta alla responsabilità economica, che perseguiamo con crescita a lungo termine, ciò ne include per noi anche una ecologica e sociale, che portiamo avanti in numerosi progetti.

 

È importante creare valori sostenibili per i nostri dipendenti, per la società e l’ambiente. Come ‘corporate citizen’, B.Braun supporta la comunità, promuove l’espansione e lo scambio di conoscenze e crea prospettive per le generazioni odierne e future. Noi produciamo dispositivi medici con un’elevata tecnologia, cercando di ridurre gli sprechi di materiale ed energia. Siamo riusciti ad eliminare la plastica sostituendola con materiali che non producano diossine una volta inceneriti, così come stiamo sostituendo le auto aziendali con modelli ibridi o elettrici”.

 

Il Rotary Varazze ha acquistato e appena ricevuto 24 pinze telescopiche  che saranno utilizzate dai giovani per la pulitura dell’arenile in questa e nelle prossime occasioni. Dopo ciascun utilizzo, le pinze saranno igienizzate con materiali certificati.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *