Attualità Quiliano

Quiliano, confermati benefici finanziari alle famiglie numerose con basso reddito e taglio TARI per utenze non domestiche

Uno sconto netto del 75 % sulla quota fissa e variabile, per tutto il 2021, a favore delle utenze non domestiche per la TARI (tassa rifiuti). Conferma dei benefici finanziari alle famiglie numerose con basso reddito. Una minore entrata, pari a circa 78mila euro, finanziata con il contributo statale e i risparmi della spesa corrente, derivanti dal recupero tributario sugli anni scorsi.

Il Consiglio Comunale di Quiliano, riunitosi nella seduta di martedì 29 giugno 2021, ha infatti approvato all’unanimità la manovra finanziaria, volta a dare un decisivo aiuto alla comunità locale.

“Durante il primo semestre 2021 sono state numerosissime le aperture e chiusure dei pubblici esercizi, delle palestre, degli impianti sportivi, delle varie attività produttive rivolte al pubblico, in conseguenza delle ordinanze nazionali e regionali conseguenti all’emergenza pandemica” dichiarano il Sindaco Nicola Isetta e l’Assessore al Bilancio Tiziana Bruzzone. “Avvalendoci quindi degli spazi aperti dal legislatore con il Decreto Sostegni-bis, abbiamo scelto di garantire uno sconto rilevante di 9/12 sulle bollette della TARI per le utenze non domestiche, riferito sia alla quota fissa che alla variabile. In pratica, i commercianti, gli imprenditori, e tutte le attività economiche di Quiliano colpite dalla pandemia, pagheranno solo tre mensilità per tutto l’anno. Una scelta, questa, che non graverà sui nostri concittadini, perché è finanziata dal contributo statale e dal recupero tributario degli anni passati”.

Confermate inoltre le misure di sostegno alle famiglie numerose e a basso reddito, già deliberate dal Consiglio Comunale nella seduta del 22 dicembre 2020, sempre con voto unanime. Inoltre il Consiglio, all’unanimità, ha condiviso l’aggiornamento alle recenti disposizioni legislative del regolamento sulla TARI e del piano economico-finanziario della TARI per il 2021, che prevede anche la copertura di una maggiore spesa complessiva di circa 14mila euro, assorbita entro l’anno. Sono state quindi spostate le rateazioni del pagamento, che avranno inizio dal prossimo mese di settembre.

Il Consiglio ha inoltre approvato all’unanimità l’aggiornamento del piano triennale delle opere pubbliche, finalizzato alla suddivisione sul triennio 2021/2023 del contributo statale Città di Quiliano, loc. Massapè n. 21, 17047 Quiliano – tel. 019-2000501 – Fax: 019-2000548 e.mail ufficio.stampa@comune.quiliano.sv.it di 1.250mila euro per il restauro conservativo e valorizzazione di Villa Maria, a seguito del finanziamento ottenuto a valere sul progetto “Bellezz@”.

“Il rilancio di Villa Maria” dichiarano il Sindaco Nicola Isetta, l’Assessore all’Urbanistica e Turismo Cinzia Pennestri e l’Assessore ai Lavori Pubblici Silvio Pirotto “si inserisce nel solco del percorso pluridecennale di ricerca di finanziamenti pubblici per la sua riqualificazione. Prima di tutto viene la continuità amministrativa, che attraverso il cambio delle rispettive amministrazioni comunali, è finalizzata a perseguire gli obiettivi di rilancio e valorizzazione di Quiliano e di tutte le sue bellezze e tipicità territoriali. Il recupero di Villa Maria, che manterrà una vocazione esclusivamente pubblica, è proprio finalizzato a portare avanti questa linea direttrice”.

Sempre con voto unanime, il Consiglio Comunale ha approvato la proroga dell’affidamento “in house” alla società pubblica SAT (di cui la Città di Quiliano è socio fondatore) del servizio di gestione dei rifiuti fino a tutto il 31 dicembre 2021. “A seguito della recentissima ordinanza regionale” spiega il sindaco Nicola Isetta, “proseguiamo nell’affidamento diretto a SAT del servizio, che peraltro ha mantenuto la soglia della raccolta differenziata pari all’80 %, nell’auspicio che la nuova gestione comprensoriale a cura dell’autorità provinciale di ambito possa aprire una nuova epoca sotto i profili gestionali, anche e soprattutto qualitativi, del servizio”.

Il Consiglio ha altresì approvato, con i voti del gruppo di maggioranza e l’astensione dei consiglieri di minoranza, l’aggiornamento al rendiconto della gestione 2020 che prevede l’ampliamento dell’avanzo libero di ben 260mila euro, derivanti dalla riduzione dei vincoli conseguente alla certificazione sulle spese sostenute durante il 2020 per fronteggiare l’emergenza pandemica, risultate ampiamente superiori rispetto agli stanziamenti erogati dallo Stato.

Sempre con i soli voti favorevoli del gruppo di maggioranza, il Consiglio ha approvato la variazione di Bilancio che comprende, tra l’altro, nuovi investimenti per la sostituzione del pavimento della palestrina della Scuola primaria di secondo grado in Frazione Valleggia, nonché per la realizzazione dei lavori di manutenzione straordinaria delle aree verdi e l’informatizzazione degli uffici comunali.

Sono state altresì recepite in Bilancio le maggiori contribuzioni erogate dallo Stato per i buoni spesa alle famiglie bisognose in conseguenza dell’emergenza Covid-19 (29mila euro), per le agevolazioni TARI sulle utenze non domestiche (41mila euro), dalla Fondazione De Mari per la rassegna “Quiliano Città Viva” (7mila euro), dalla Regione Liguria per il diritto allo studio (45mila euro) e dalla società Sarpom (12mila euro) per l’acquisto di un nuovo palcoscenico regolamentare e relative infrastrutture, per la realizzazione di eventi teatrali, musicali e convegnistici da realizzare a Quiliano.

“Con i nuovi interventi finanziati”, dichiarano infine il Sindaco Nicola Isetta e il ViceSindaco e Assessore alla Cultura Nadia Ottonello, “che permettono di sviluppare la rassegna “Quiliano Città Viva”, con un palinsesto raddoppiato e ancor più qualificante, rispetto agli anni scorsi, possiamo contare sul supporto validissimo dell’associazione “E20”, che ci sta fornendo spettacoli ed eventi di altissimo valore nazionale, nonché della collaborazione dell’associazione “Centofiori Eventi” e il patrocinio del prestigioso Premio Italo Calvino di Torino, che ha scelto la Città di Quiliano (peraltro insignita per due bienni consecutivi del titolo di “Città che legge”) quale partner per la Liguria del prestigioso concorso annuale che ha lanciato e continua a selezionare le nuove leve della narrativa italiana”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *