Politica

Legge regionale urbanistica, il PD: “Non semplifica le procedure, non garantisce la sostenibilità ambientale, è scollegato dal Recovery fund”

“Non semplifica le procedure, non garantisce la sostenibilità ambientale, è scollegato dal Recovery fund e non garantisce la tutela del territorio a partire dall’entroterra”. Lo affermano i consiglieri regionali del gruppo PD della Liguria commentando i contenuti del DDL di riforma della Legge Urbanistica Regionale promosso dalla maggioranza Toti e arrivato oggi sui banchi dell’assemblea legislativa ligure.

Queste le principali problematiche del progetto di legge contestate dal PD: la riforma non semplifica le procedure a carico dei comuni ma introduce, per quelli più grandi, due nuovi strumenti, complicando l’iter. “Questi piani – spiega Davide Natale, relatore di minoranza per il PD – non hanno una ‘legge cornice’ e andavano predisposti solo dopo il Ptr, il Piano Territoriale Regionale datato 1991 che la maggioranza in campagna elettorale aveva promesso – senza poi mantenere – di aggiornare. Il sistema risulta complesso in particolare per i piccoli comuni, non chiarisce se e quando questi possano procedere a livello intercomunale nella predisposizione dei piani e soprattutto non prevede fondi per sostenere le spese a carico degli enti per dotarsi di questi strumenti”.

Sono 3 gli emendamenti presentati dal PD per le modifiche al DDL, più un ordine del giorno su consumo suolo e sull’incentivo ai puc intercomunali.

Oltre a non semplificare le procedure e a caricare i comuni di nuove carte e pratiche burocratiche, le modifiche previste dalla riforma creano confusione anche per i piccoli comuni dell’entroterra riducendone le norme paesaggistiche.

“Non solo – conclude il PD – il nuovo Piano deve tenere conto del Recovery Fund, che si inserisce anche nella pianificazione territoriale legata a servizi infrastrutture, rigenerazione urbana scuola e sanità. Quindi prima si deve procedere ad aggiornare il Ptr sulla base del Recovery e dei fondi in arrivo e poi si potrà procedere ad applicarlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *