Attualità In Primo Piano Savona

CGIL Savona, 120 anni di contributo politico, economico e sociale per lo sviluppo del territorio in epoca di crisi demografica e sociale

Quattro momenti per celebrare i 120 anni della presenza di CGIL a Savona: un nuovo logo, un contest per gli alunni delle ultime classi degli istituti superiori della provincia, un documentario e la valorizzazione e digitalizzazione dell’archivio storico della Camera del Lavoro di Savona. Con queste iniziative che si svilupperanno nel corso del 2021.

Il 7 aprile 1901 era domenica. In quel giorno di primavera la Camera del Lavoro di Savona diventò una realtà. Al Teatro Chiabrera di Savona convennero i lavoratori delle leghe delle società fondatrici ad ascoltare il saluto programmatico di Pietro Chiesa , deputato socialista genovese e massimo patrocinante dell’idea della formazione dalle Camere del Lavoro in Liguria .
Avere 120 anni e tutto un futuro davanti grazie al lavoro di ieri , è un bel traguardo per la Cgil , l’organizzazione sindacale che più di altre rappresenta la storia e le radici del mondo del lavoro italiano. Un Compleanno molto importante anche se da gioire c’è ben poco , di fronte a migliaia di giovani e donne in cerca di lavoro e soprattutto in tempi di Pandemia che ha trascinato tutto il Pianeta in una crisi sanitaria , economica , sociale ed occupazionale tremenda . 120 anni di cambiamenti epocali nei quali la Cgil e le Camere del Lavoro si sono dimostrate PRESIDI fondamentali per migliaia di persone, giovani , anziani , disoccupati , lavoratori del privato e del pubblico e persino autonomi in difficoltà svolgendo sempre un ruolo da protagonista nell’azione sindacale e sociale. Un compleanno importante quindi, che ci proietta verso un futuro nel quale si dovranno governare i fortissimi cambiamenti che con la Pandemia hanno subito un’accelerazione straordinaria mantenendo fermi sempre i nostri valori fondati : democrazia , antifascismo e la difesa dei più deboli.
Un futuro, tuttavia, che parte da basi fondate sulla precarietà come sintetizzano i dati commentati da Andrea Pasa, segretario provinciale di CGIL: “Tra il 2006 e il 2020 dal punto di vista demografico, Savona e provincia hanno perso circa 15.000 abitanti e 8000 occupati nei settori del turismo e del commercio, un trend che, descritto nell’ultimo anni di pandemia ha visto in provincia -3600 occupati su un totale di -11.000 in Liguria. A livello regionale in Liguria la crisi demografica ha visto la popolazione scendere di 82.000 unità”, ha specificato. Chi lavora lo fa in modo precario dal momento che il 75% dei contratti è precario. Pasa ha poi spiegato che: “Abbiamo chiesto alla regione unitariamente di replicare un aumento rispetto alle indennità e ai mesi messi a disposizione e la Regione si è detta disponibile a replicare”.

La CGIL, per fare fronte alla crisi COVID ha sottoscritto 2000 accordi per proteggere oltre 15mila persone in provincia di Savona che hanno ricevuto la cassa integrazione in deroga per il Covid. “La metà di questi 15mila sono lavoratori non nel settore dell’industria ma con contratti trasformati da full time a part time,  famiglie che vivono con 500 euro al mese e alcuni ad oggi devono ancora prendere l’indennità di cassa del mese di settembre, 8 mesi di arretrati”.

Sull’archivio, Fausto Dabove ha sottolineato che: “L’archivio documentale, ha detto Fausto Dabove, segretario CGIL per l’area pensionati, contiene materiale dal 1945 in poi e sarà consultabile previo appuntamento; avremo a disposizione un altro archivio, questa volta fotografico, con testimonianze che vanno dal primo ‘900 fino ad oggi. Consta di 6000 foto già catalogate, l’archivio avrà il compito non solo di celebrare questi 120 anni di CGIL e della società”.

Il film documentario realizzato dal videomaker Marco Rimondi verrà proiettato nella sua completa durata di circa 60’ su tutto il territorio della provincia non appena ve ne sarà la possibilità da un punto di vista sanitario: “Ho cercato di conoscere quello che voleva dire il sindacato e quella che era la sua storia. È stata una collaborazione molto intensa, ho avuto un grandissimo aiuto da parte loro, sia per la ricerca del materiale d’archivio che per le diverse interviste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *