Cronaca Zuccarello

Zuccarello, i Carabinieri forestali sventano furto

In prossimità delle festività, si intensificano in Provincia di Savona i controlli dei carabinieri forestali sulla raccolta e commercio illecito di materiale vegetale in violazione alle normative regionali che regolamentano il taglio degli arbusti, dei cespugli e delle specie officinali a scopo commerciale, destinati al mercato natalizio, principalmente per la realizzazione di composizioni floreali.

Nei giorni scorsi, i forestali della stazione di Zuccarello, coadiuvati dalla pattuglia della Stazione carabinieri di Cisano sul Neva, attivati a seguito di richiesta di un cittadino, sono intervenuti per impedire un furto che due individui di nazionalità albanese, di 36 e 34 anni che stavano compiendo nella proprietà del malcapitato.

Giunti sul posto, i militari hanno constatato che i due si erano allontanati a piedi, abbandonando nei pressi del sito il furgone con il quale viaggiavano e dove era stata già depositata una buona parte della refurtiva.

Solo dopo una accurata perlustrazione dell’area i due soggetti sono stati individuati e accompagnati in caserma dove sono stati identificati e, a seguito di querela da parte del proprietario del terreno, deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di furto con violenza, aggravato dall’esposizione alla pubblica fede del bene.

Nei confronti dei trasgressori verranno altresì elevati due verbali amministrativi che prevedono, per ciascun contravventore, il pagamento di una sanzione che va da un minimo di € 51 fino ad un massimo di € 516.

Il quantitativo di materiale vegetale già tagliato prima dell’intervento delle pattuglie è stato stimato in ca 50 kg, per un valore al mercato non inferiore a 200 euro, che sarebbe sicuramente diventato notevolmente superiore se avessero potuto agire indisturbati. Questo, prelevato da un appezzamento agricolo nelle campagne di Zuccarello, è stato riconsegnato ai legittimi proprietari, i quali, esercitando legittimamente la professione di agricoltori, potranno trarre guadagno dalla vendita dello stesso.

Il fenomeno del taglio abusivo di verde ornamentale, purtroppo in costante e preoccupante aumento, danneggia sia i produttori onesti, sia l’ambiente quando, a causa del poco ortodosso metodo con il quale vengono effettuati i tagli, questo compromette le capacità rigenerative delle piante inibendo la crescita del novellame.

Questa attività rientra tra i controlli che i reparti dei carabinieri forestale effettuano costantemente per la tutela del territorio, ma anche nella verifica del rispetto delle norme che tutelano il commercio regolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *