Savona, approvato il bando affitti per aiutare chi è in difficoltà nel pagamento

La casa, prima di essere un luogo, è uno spazio che ci portiamo dentro. E’ un corpo ideale che ci contiene e ci accoglie, ci manifesta e ci protegge. Rappresenta il focolare, il rifugio, la nostra sicurezza. La casa come bene primario.

In questo filone si inserisce il bando del concorso per l’assegnazione di contributi per il sostegno alla locazione approvato questa mattina dalla Giunta comunale di Savona su proposta dell’assessore alle attività Ileana Romagnoli e che prevede un fondo di € 448.426,00.

Al bando possono partecipare i conduttori di alloggi in locazione titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo prima casa regolarmente registrato per l’anno 2020 residenti nel Comune di Savona che abbiano un ISEE non superiore ad € 16.700 ed il cui contratto di locazione nel 2019 non sia stato superiore a € 7.800,00 annui. Le dimensioni dell’alloggio debbono non essere superiori a mq 110, derogabile fa mq 120 in caso di nuclei familiari numerosi

Il contributo teorico erogabile è pari al 40% del canone di locazione annua che prevede un contributo oscillante tra un minimo di € 400,00 ed un massimo di € 2.000,00, eventualmente rivedibile sulla base delle domande che perverranno.

Per informazioni ci si può rivolgere al Servizio Promozione Sociale 01983105500.

“E’ una misura a supporto delle molte famiglie questo momento di emergenza di emergenza ha messo maggiormente in crisi, con un crollo verticale del proprio reddito – spiegano dal municipio savonese – L’intenzione è anche quella di evitare il prodursi di procedimenti di sfratto per morosità da parte dei proprietari, con uno sforzo di attenzione verso categorie di persone potenzialmente impoverite a causa dell’emergenza  Un aiuto concreto per alleviare il peso di una situazione in cui pensiamo si trovino diversi concittadini e che si inserisce nel filone dell’attenzione che poniamo al ‘problema casa’  già affrontata la scorsa settimana con l’apertura del bando per l’edilizia popolare”.

“Un aiuto concreto per alleviare il peso di una situazione in cui pensiamo si trovino diversi concittadini perchè siamo fermamente convinti che la casa sia un bene primario e fornire ai nostri concittadini  un aiuto a rimanere nella propria abitazione dia loro una maggiore sicurezza nell’affrontare il domani” concludono dal Comune di Savona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi