Coldiretti: “L’etichetta a batteria salva il made in Liguria”

L’etichetta a batteria salva le eccellenze italiane gli attacchi del nutriscore francese e dei semafori inglesi che penalizzano le grandi produzioni di qualità Dop e Igp italiane, tra cui ad esempio l’olio extravergine ligure, prodotto simbolo del territorio e pilastro della dieta mediterranea

E’ quanto afferma Coldiretti Liguria nel commentare la valutazione positiva della Commissione europea sul decreto interministeriale (Sviluppo Economico, Salute, Politiche Agricole) relativo a un sistema di etichettatura nutrizionale alternativa al modello che si sta diffondendo nei paesi del nord Europa, un modello che, sotto la spinta delle multinazionali, boccia ingiustamente quasi l’85% in valore del Made in Italy a denominazione di origine (Dop) che la stessa Ue dovrebbe invece tutelare e valorizzare.

L’etichetta nutrizionale dei prodotti alimentari a batteria, denominato Nutrinform Battery, non attribuisce presunti “patentini di salubrità” ad un alimento, ma soprattutto esclude i prodotti a marchio Igp e Dop per le specifiche caratteristiche di eccellenza evitando così il rischio di confondere il consumatore con ulteriori segni distintivi in etichetta.

“I sistemi di etichettatura fuorvianti, discriminatori ed incompleti – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – finiscono per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole, per favorire, invece, prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta. Si rischia così di promuovere bevande gassate con edulcoranti al posto dello zucchero e di sfavorire elisir di lunga vita come l’olio extravergine di oliva e le altre grandi eccellenze naturali dei nostri territori. Non bisogna dimenticare che l’equilibrio nutrizionale va ricercato tra i diversi cibi consumati nella dieta giornaliera ,come prevede la proposta italiana del sistema a batteria, che prende in considerazione la porzione e il fabbisogno energetico.  Quella a batteria non è quindi un’etichettatura  penalizzante, non dà patenti di buono o cattivo, ma semplicemente informa il consumatore come è giusto che sia, in maniera chiara e completa”.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi