Loano

Loano, dal Comune uno sconto sulla Tari per i commercianti

Uno “sconto” sulla Tari per le utenze commerciali, la suddivisione dell’importo totale in quattro rate e la posticipazione dei pagamenti. E’ questa la misura in imminente deliberazione da parte
dell’amministrazione comunale del sindaco Luigi Pignocca per cercare andare incontro alle esigenze delle attività produttive di Loano.

“Come noto – spiega il sindaco Pignocca – la prolungata interruzione dell’attività a causa del lockdown ha
messo a dura prova il tessuto imprenditoriale e commerciale di Loano e, più in generale, di tutto il paese.
Come amministrazione, dunque, abbiamo deciso di varare questa importante iniziativa per cercare di dare
un po’ di sollievo ai bilanci e alla liquidità dei nostri esercenti e permettere loro di riprendere a lavorare
con una relativa tranquillità, almeno sul fronte dell’imposta sui rifiuti”.
L’assessore al bilancio Enrica Rocca aggiunge: “Vista la situazione di difficoltà del tessuto produttivo,
quest’anno abbiamo principalmente lavorato sulla riduzione della Tari. Inoltre abbiamo deciso di
suddividere il relativo pagamento in quattro rate (anziché le consuete tre) rinviando a fine novembre il
pagamento della prima. Per quanto riguarda le rate della Tari 2020 commerciale, dunque, le scadenze
sono le seguenti: 30 novembre, 31 gennaio 2021, 31 marzo 2021 e 31 maggio 2021. Evidenzio quindi la
riduzione del dovuto: cercheremo di applicare il maggiore ‘sconto’ possibile.”
Per quanto riguarda invece le utenze domestiche, resta confermata la suddivisione in tre rate, con
scadenze rispettivamente al 31 luglio, 30 settembre e 30 novembre. “Gli utenti che ne avranno i requisiti
– aggiunge Rocca – potranno richiedere un ‘bonus’ al fine di avere una agevolazione sulla tariffa per i
rifiuti urbani”.
“La suddivisione in più rate, con lo slittamento della maggior parte dei pagamenti al prossimo anno, e la
possibilità di usufruire di uno ‘sconto’ sul totale delle cartelle per le utenze non domestiche siamo certi
rappresenteranno una boccata d’ossigeno per tutte le attività della città”, concludono Pignocca e Rocca.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *