104 News

Coronavirus, il sindaco di Quiliano, Isetta, scrive alla cittadinanza

La salvezza è nell’isolamento. Restare a casa e diradare le relazioni significa in realtà rispettare il prossimo

Il sindaco di Quiliano, Nicola Isetta scrive alla cittadinanza:”Siamo un Paese in una lotta dura contro il virus, per cui è necessaria la collaborazione di tutti. Non improvvisiamo. L’emergenza di Covid-19 é diversa dalle emergenze che abbiamo più volte affrontato e ha cambiato il paradigma della reazione alle calamità che eravamo abituati a combattere. Le Comunità locali sono destinatarie passive delle misure di contenimento decise a livello centrale e sono invitate a comportamenti quasi innaturali: tenere le distanze quando c’è una difficoltà sembra un atteggiamento irrazionale nella logica della Civitas comunale. Invece oggi è doveroso.

La salvezza è nell’isolamento. Restare a casa e diradare le relazioni significa in realtà rispettare il prossimo. E in questa mutazione dei ruoli anche a noi Sindaci è toccata una flessibilità inattesa. I Sindaci in questi giorni convulsi sono le cinghie di trasmissione tra lo Stato centrale cui compete la decisione sulle modalità di vita da adottare e il territorio che deve applicarle; diventano traduttori e interpreti di norme non sempre scritte chiaramente, nella fretta e nella novità. I possibili esempi delle contraddizioni e delle perplessità amministrative che si sono addensate sull’applicazione concreta delle prescrizioni dettate dal Governo sono infiniti. E’ indispensabile che seguiamo tutti le raccomandazioni del Governo eventualmente declinate anche dalla Regione. Per fare questo siamo impegnati ad applicare le norme scritte e vigilare, per quanto di nostra competenza. Per quanto, invece, non attiene le competenze, vigileranno i Prefetti, con le forze dell’ordine da loro dipendenti.

Come Comune di Quiliano dall’emanazione del primo D.P.R. abbiamo convocato il Comitato operativo comunale in modalità permanente e aggiornato la nostra organizzazione, con ausilio della Conferenza dei Titolari di Posizioni Organizzative, per l’attuazione delle direttive ministeriali imposte in queste ultime settimane. In ultimo abbiamo recepito e ci siamo organizzati per rendere applicativo Il D.P.C.M. pubblicato in Gazzetta Ufficiale la notte del 11/03.

Per lo svolgimento dell’attività amministrativa le misure adottate per l’intero territorio nazionale sono, fra l’altro, finalizzate a ridurre la presenza dei dipendenti pubblici negli uffici e ad evitare il loro spostamento. Le amministrazioni, nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, svolgono le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza e le attività indifferibili da rendersi con presenza del personale. Altresì sono state individuate attività da svolgersi in forma agile con possibilità di richiamare il personale in caso di ogni necessità. Si comunica inoltre che richieste potranno essere trasmesse, anche secondo la modulistica presente sul sito comunale,www.comune.quiliano.sv.it e all’indirizzo PEC – comune.quiliano@legalmail.it

Prosegue l’attività degli Uffici Comunali e piena funzionalità operativa per i servizi essenziali. Per contatti telefonici rimangono i seguenti numeri CENTRALINO (orario di ufficio) 0192000501 EMERGENZE – Polizia Municipale 335737732. Teniamo sempre alta l’attenzione rivolta alla popolazione anziana necessariamente più esposta. Per queste persone, che non possono contare sull’assistenza di famigliari. Per questo è attivo un nuovo servizio: Prontofarmaco – Prontospesa per anziani soli. Per informazioni chiamare 0192000544.

Il lavoro e i contatti tra Amministratori, Funzionari, Forze dell’ordine, Volontari ed Associazione continua silenziosamente, anche fuori dalla sede istituzionale, in un ritmo continuo e serrato, nel solo intento di preservare e sostenere la nostra Comunità in un periodo così complesso e preoccupante per tutti.

Le forze dell’ordine effettueranno vigilanza per quanto concerne le limitazioni imposte dall’ultimo DPCM, non solo perché stabilito dalle norme e dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, ma anche nell’interesse vostro. Supereremo questo momento difficile, ne sono convinto. Non facciamoci trascinare da azioni emotive e improvvisate. Ognuno di noi deve essere consapevole e determinato nello svolgere il proprio ruolo e nel gestire le proprie responsabilità”.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi