Pastorino e Lunardon: “Saluti romani alla manifestazione contro il Governo a cui era presente Toti, dopo 24 ore il Governatore non ha ancora preso le distanze. Condanni quei gesti”

“Anche se non cambia minimamente il nostro giudizio sulle sue sommarie conoscenze di diritto costituzionale e sull’inconsistenza della sua azione amministrativa – la Liguria è appena finita in recessione e il prossimo anno ci aspetta una durissima stagnazione – il presidente Toti potrebbe almeno salvare la dignità della carica che ricopre dissociandosi dai saluti fascisti, che si sono visti ieri mattina a Roma, nel corso della manifestazione a cui ha partecipato. Dopo 24 ore e a fronte di foto e filmati inequivocabili il governatore ligure non ha trovato il tempo per prendere ufficialmente le distanze da quel drappello di fascisti, che ha sfilato accanto a lui al corteo contro il Governo (di cui, tra l’altro, è commissario).

Invitiamo il presidente della Regione a condannare inequivocabilmente quei gesti vergognosi e lontani anni luce dalle istituzioni democratiche nate dalla Costituzione antifascista e che lui è chiamato a rappresentare. Riuscirà, per una volta, Toti a mettersi in sintonia con la cultura antifascista della nostra terra?”

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi