Attualità Economia Regione

Approvata la modifica del bando relativo alla Sottomisura M01.01


Coloro che desiderano avere maggiori informazioni in merito possono consultare il provvedimento sul sito internet della Regione

Genova. La Giunta della Regione Liguria ha approvato la modifica del bando – approvato con delibera 742 del 12 settembre 2018 – relativo alla Sottomisura M01.01 del Piano di Sviluppo Rurale 2014 – 2020.

Le modifiche e le integrazioni apportate hanno un triplice scopo:
• semplificare le procedure di presentazione delle proposte formative;
• ridurre i tempi di istruttoria;
• utilizzare in modo migliore e più efficace le risorse finanziarie per incrementare il numero di corsi finanziati e, contestualmente, il numero di destinatari che possono accedere alla formazione.

Per l’attuazione del bando riferito alla Sottomisura M01.01 “Azioni di formazione e acquisizione di competenze”, la Regione ha predisposto e utilizza il “Catalogo regionale per il trasferimento delle conoscenze e delle innovazioni”, nuovo strumento telematico presente sul sito www.agriligurianet.it finalizzato a:
1) registrare le proposte formative presentate dai Prestatori di servizi;
2) garantire trasparenza, informazione e pubblicità dei corsi ammissibili e il libero accesso a tutti i potenziali destinatari;
3) catalogare e promuovere le proposte formative;
4) permettere ai destinatari della Sottomisura di accedere alle opportunità formative e di visionare tutte le proposte formative ammissibili, aderendovi in base ai loro fabbisogni reali.

Il bando – articolato in due fasi (la prima – denominata “A” – finalizzata alla selezione delle proposte formative ammissibili e loro inserimento nel Catalogo, la seconda – denominata “B” – finalizzata alla presentazione della domanda di sostegno e all’attribuzione degli aiuti) – si sviluppa in tre sessioni temporali di apertura e chiusura dei termini.

Sulla base delle valutazioni emerse nel corso della prima sessione non ancora conclusa, la Regione ha ritenuto opportuno apportare alcune modifiche e integrazioni al bando per i motivi sopra citati, e in particolare:
• posticipare i termini per la presentazione delle proposte formative per le sessioni 2 e 3 al fine di consentire la revisione e l’aggiornamento del Catalogo;
• introdurre nella fase “A” una nuova procedura informatica tramite il Catalogo in sostituzione della PEC, al fine di semplificare e velocizzare da parte dei Prestatori la presentazione delle proposte formative e le modalità e le tempistiche della successiva fase istruttoria, riducendo contestualmente eventuali esiti di non ricevibilità e/o non ammissibilità delle stesse proposte;
• definire nella fase “B” una procedura che permetta di finanziare un maggior numero di attività formative, utilizzando il più possibile le risorse eventualmente disponibili in ciascuna sessione per eventuali economie, rinunce e rifinanziamento del bando.

Coloro che desiderano avere maggiori informazioni in merito possono consultare il provvedimento sul sito internet della Regione www.regione.liguria.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *