Politica

Cinque Stelle chiedono maggiori stanziamenti per il Sociale a Savona

Savona. I Cinque Stelle savonesi chiedono al sindaco e alla giunta maggiori stanziamenti per il sociale e per gli asili in particolare. Spiegano i Cinque Stelle in una nota:
“Sono ormai due anni che i savonesi subiscono aumenti di tariffe e tagli ai servizi e ai
fondi per il sociale, a causa di un dissennato piano di riequilibrio decennale che vincola le future generazioni.
Nella variazione di bilancio di luglio, come per magia, sono però sbucati i soldi per pagare lo stipendio di un
nuovo e futuro nono assessore, un assessore in più rispetto alla composizione attuale della giunta, che per
altro non va oltre gli otto membri fn dal 2011”.
“Quanto costerebbe ai savonesi un assessore in più? Sommando indennità lorda, oneri previdenziali a carico
dell’ente e IRAP si tratta di 26 mila euro per il 2018 e ben 57 mila euro all’anno dal 2019 in poi. Una spesa di
oltre 170 mila euro fno a fne mandato, soldi che noi riteniamo debbano essere impiegati a favore dei cittadini
e non per pagare un’ennesima poltrona per accontentare le richieste di qualcuno”.
“Sindaco Caprioglio, lei per due anni ha ripetuto a pappagallo il ritornello che non ci sono soldi per colpa di
quelli di prima, giustifcando in questo modo la decapitazione di qualunque servizio erogato, ed ora, non
appena i tagli al sociale generano un miglioramento della situazione economico-fnanziaria del comune, ha il
coraggio di voler usare quei soldi, frutto dei sacrifci dei savonesi, per inserire un assessore in più? Ma davvero
non si vergogna neanche un po’?”
“Abbiamo depositato alcune proposte di modifca della variazione di bilancio con cui chiediamo di destinare
quei soldi agli asili nido, alla manutenzioni stradali o all’edilizia scolastica. Gli emendamenti verranno votati
durante la seduta di Consiglio di domani: ogni consigliere avrà l’opportunità con il proprio voto di decidere che
cosa è più importante: stanziare denaro per servizi ai cittadini o per pagare lo stipendio ad un futuro nono
assessore”.
“Nel caso in cui la maggioranza di centrodestra decida di bocciare le nostre proposte di buon senso non vada
però a raccontare ai savonesi che non ci sono soldi per tappare le buche delle strade o per ridurre le rette
degli asili nido. Ogni consigliere si assumerà la responsabilità politica del proprio voto.”

Informazioni sull'autore del post