Attualità Vado Ligure

A fine giugno scade il contratto tra Mantobit e Comune di Vado Ligure

A fine giugno scade il contratto d’affitto tra il Comune di Vado Ligure e la società Mantobit di Savona per lo sfruttamento della Cava Mei, sulla collina sopra San Genesio, da cui si estrae calcare per l’edilizia. Non essendo possibile il rinnovo o delle proroghe, si dovrà passare attraverso una nuova gara pubblica per l’affidamento della gestione per i prossimi quattro anni. Il Comune ha incaricato un tecnico esterno, l’architetto Marzia Leotti di Borghetto Santo Spirito, per l’elaborazione dei documenti propedeutici all’avvio della fase d’appalto.
Nel frattempo il Comune incassa le “royalties” per l’attività della cava, sotto forma di contributo di estrazione. Nel 2017 sono state scavate 124.500 tonnellate di minerale, per un importo, da riconoscere agli enti locali, pari ad oltre 73 mila euro, di cui quasi 71 mila da versare al Comune di Vado Ligure e circa 2.500 alla Regione Liguria.

Informazioni sull'autore del post