Attualità In Primo Piano Vado Ligure

Discarica di Bossarino, il primo marzo il disco verde all'ampliamento

Vado Ligure. Giovedì 1 marzo arriverà il via libera alla realizzazione dell’ampliamento della discarica per rifiuti speciali di Bossarino, a Vado ligure, gestita dalla società Green Up, del gruppo Waste Italia.
Alla conferenza dei servizi convocata in seduta deliberante presso la Regione Liguria sono stati convocati una ventina tra amministrazioni, società ed enti coinvolti nella procedura di approvazione dell’intervento.
La discarica di Bossarino è autorizzata come discarica per rifiuti speciali non pericolosi e con elevato contenuto sia di rifiuti organici o biodegradabili, con recupero di biogas, sia di rifiuti inorganici. La discarica è oggi autorizzata per una volumetria complessiva di circa 3,3 milioni di metri cubi di rifiuti, capacità quasi del tutto esaurita. Di qui il progetto di ampliamento che consentirà la prosecuzione dell’attività per altri 9 anni grazie ad un incremento di capacità pari ad oltre 1,1 milioni di metri cubi. In particolare, in una prima fase è previsto l’ampliamento, con allestimento di una nuova vasca alla base dell’attuale discarica, nel settore Sud/Ovest per una volumetria di 514.100 mc. La seconda fase prevede l’allestimento di una nuova vasca a Est della discarica esistente, verso il lato del rio Tana, con un incremento di volumetria pari a 606.200 mc. Questa seconda fase potrà avere inizio soltanto una volta decaduto il vincolo sulle aree percorse dal fuoco (inizio 2022).
Il via libera regionale è stato subordinato al rispetto di una serie di prescrizioni che riguardano la qualità dei rifiuti e la mitigazione delle emissioni di odori: copertura tempestiva dei rifiuti e presenza di sistemi di abbattimento degli odori fissi e mobili. Dovrà anche essere trasmesso a Regione Liguria uno studio di fattibilità per l’utilizzo del “naso elettronico” come strumento per ottimizzare la gestione dei rifiuti in ingresso. Novità assoluta e ancora sperimentale, il naso elettronico è una tecnologia che tende a sostituire il sistema olfattivo umano nella percezione e verificare delle qualità degli odori. Si tratta di apparecchi elettronici complessi, con i quali si tenta di riprodurre il funzionamento del sistema olfattivo dei mammiferi.

Informazioni sull'autore del post