Sport

Promozione A, cominciato il conto alla rovescia della Cairese

Savona. Discorso promozione chiuso, magari non aritmeticamente ma di certo virtualmente.  La Cairese viaggia ad una velocità insopportabile per le rivali che restano a distanza di sicurezza. Per i gialloblu di Solari si può tranquillamente affermare che è cominciato il conto alla rovescia verso il ritorno nel massimo campionato regionale. Domenica al “Brin” arriva la Loanesi del cairese doc Flavio Ferraro e il verdetto appare già scritto: 15 vittorie, 3 pareggi e 1 sola sconfitta sono il fantastico bilancio della capolista irresistibile nel gioco e nella qualità dei singoli giocatori. Per citare qualche statistica, nelle ultime quattro giornate ha realizzato 12 reti (3 a gara) subendo relativamente poco. Il già robusto divario di classifica domenica potrebbe lievitare ulteriormente, alle sue spalle infatti tiene banco il big match play off Arenzano-Campomorone, incrocio di rilevante importanza nella top five della classifica. La squadra di Maisano sembra essere uscita dal momento negativo, costato l’addio ai sogni gloria, le vittorie contro Legino e Taggia hanno ridato tranquillità e ottimismo in vista del finale di stagione. E’ in salute anche il Campomorone che arriva da tre successi consecutivi e punta la piazza d’onore.
Alassio e Bragno spingono e sono in corsa anch’esse per il secondo posto. I gialloneri al “Ferrando” sono attesi dal quasi derby contro il Ceriale in netta ripresa e temibile soprattutto in trasferta dove ha ottenuto 11 punti sui 20 complessivi; il Bragno farà visita alla Voltrese per gestire i 5 punti di vantaggio sul Taggia.
In coda il Pallare lotta per ridurre il distacco dal Ceriale ed assicurarsi almeno il play out, il Sant’Olcese è squadra che in trasferta fatica sempre ad imporsi e i valbormidesi hanno ottenuto i risultati migliori in casa. Il Legino cercherà i punti necessari a rinforzare la sua classifica sul terreno della Praese sempre più rassegnata alla retrocessione. Tra le squadre del lotto di coda è la Campese quella che ha maggiori possibilità di risalire. L’avversario di turno, l’Ospedaletti, è in crisi di risultati. Non ha ancora vinto nel 2018 e l’ultimo acuto è datato 23 dicembre quando espugnò Arenzano. Chiude Borzoli-Taggia.