In Primo Piano Savona Sport

Il Savona è mister "X" contro il Ligorna terzo pareggio consecutivo

Genova. E’ la storia della bella ma incompiuta. Il Savona esteticamente è una squadra che gioca un buon football, sa creare, realizza, piace. Ma poi si ferma a specchiarsi per autocompiacersi e i dirimpettai che sono sporchi brutti e cattivi colpiscono e per poco non ti affondano. I biancoblu restano imbattuti, vero. Uscire dal piccolo e infernale stadietto del Ligorna è un fatto positivo, altrettanto vero. Ma i tre pareggi di fila impongono una riflessione sulle reali  prospettive dei biancoblu in questo campionato: manca qualcosa per schiacciare la concorrenza e vincere il girone oppure si tratta di episodi dispari che in un modo o nell’altro finiscono per lasciare il segno meno? Va detto che gli episodi ancora una volta sono stati beffardamente e ostinatamente contrari alla squadra di Tabbiani: oggi due legni e una rete allo scadere annullata per un ipotetico fallo da Var; contro la Massese un rigore natalizio accordato ai bianconeri e sconfessato dalle immagini: a conti fatti sarebbero stati quattro punti in più. Ma tant’è. Al netto di tutto ciò è evidente che qualcosa non funziona perchè una squadra che vuole vincere va, “spacca” l’avversario con due reti nel primo tempo e poi controlla il gioco portando a casa il risultato. Invece, niente.
Il Ligorna non ha rubato nulla, poteva soccombere definitivamente nel primo tempo quando il Savona ha colpito due legni ma nella ripresa ha meritato il pareggio, creando le sue occasioni e mettendoci quella “cazzimma” che forse è mancata un po’ ai biancoblu. La cronaca conforta tutto ciò. Il Savona ha rinunciato alla miglior inquadratura a causa delle assenze di Gomes, Dalessandro, Vinasi ma non al 4-3-3; il Ligorna varato da Monteforte si è schierato con il 3-5-2. La partita è subito avvincente e intensa. al 7′ Mair slalomeggia in area ed esplode un destro che Fenderico respinga a stento, stessa sorte dall’altra parte per la punizione di Cantatore che Bellussi devìa tuffandosi con tempismo. Al 20′ Cammaroto colpisce il primo legno con una cannonata che timbra la traversa rimbalzando al di qua della linea di porta, due minuti dopo il goal: fantastica triangolazione Grani-Cammaroto-Anselmo con tiro a rete sul primo palo per lo 0-1. Il Ligorna non si disunisce e alla mezz’ora con Serinelli approfitta di un buco nella difesa biancoblu per presentarsi faccia a faccia con Bellussi e concludere pessimamente sul fondo. al 37′ un traversone di Giraldi manda nel pallone Bellussi che chiama palla salvo bucarla costringendo Ferrando ad un recupero impossibile sulla linea di porta. Il Savona dà l’impressione di essere più squadra e al 38′ ha l’occasione di chiuderla: Tognogni parte con la progressione di un razzo verso la porta genovese, e cannoneggia un rabbioso sinistro che quasi sfonda il palo alla destra di Fenderico.
La ripresa è meno intensa ma resta comunque vivace e piacevole. Al 15′ il Ligorna pareggia: l’arbitro lascia prima correre una fallaccio a gamba tesa su Grani, poi fischia una punizione dal limite per i padroni di casa che viene trasformata da Miello. La gara si fa più confusa, il Savona viene colto dalla frenesia di riportarsi in vantaggio e comincia a sbagliare, il Ligorna c’è e quasi quasi rischia il colpaccio al 44′ con Oneto che in diagonale costringe Bellussi ad una super respinta; nel recupero, infine, il mischione decisivo verrebbe risolto con la rete di Bacigalupo ma l’arbitro dice No e finisce così: sfortuna e demeriti propri procurano il terzo pari consecutivo. E l’Albisola che schianta il Viareggio e sorpassa il Savona in classifica, brucia forse più della mancata vittoria.
IL TABELLINO DELLA PARTITA
Ligorna-Savona 1-1
Reti: 22′ Anselmo (S); 60′ Miello (L)
LIGORNA: Fenderico, Gilardi, Dall’Osso, Lembo, Masella, Cantatore, Zunino, Panepinto, Valenti, Oneto, Serinelli
A disposizione: Boasi, Gallotti, Moresco, Boveri, Pasciuti, Miello, Dapelo, Cavallone, Vassallo
Allenatore: Luca Monteforte
SAVONA: Bellussi; Vittiglio, Ferrando, Cammaroto, Grani; Cioce, Cardini, Bacigalupo; Anselmo, Mair, Tognoni.
A disposizione: Bonavia, Massa, Venneri, Gallo, Bruzzone, Rosano, Severi, Lumbombo, Fofana.
Allenatore: Luca Tabbiani
Arbitro: Andreano (Prato)
Spettatori: 100
 

Informazioni sull'autore del post