Attualità In Primo Piano Quiliano Vado Ligure

Sarpom potenzia gli impianti di sbarco al campo boe di Zinola/Savona

Savona. Inizia mercoledì 28 giugno l’iter di conferenza dei servizi del progetto presentato dalla società Sarpom relativo al ripristino dell’esistente condotta sottomarina da 32 pollici che collega il campo boe di Zinola con il deposito costiero di Quiliano, da dove poi il greggio, accumulato nei giganteschi serbatoi, inizia un viaggio di 145 chilometri verso la raffineria di Trecate utilizzando l’oleodotto da 20 pollici. L’iniziativa è finalizzata al trasferimento diretto del petrolio greggio dalla nave ancorata al campo boe fino agli impianti di raffineria di Trecate, evitando lo stoccaggio nel deposito costiero di Quiliano. Con questo accorgimento l’azienda migliora la flessibilità dei propri approvvigionamenti e riduce i tempi di sosta delle superpetroliere (a Zinola ormeggiano navi sino a 315 mila tonnellate di portata lorda) con notevoli risparmi di costi.
La conferenza dei servizi avrà carattere istruttorio e si svolgerà presso la nuova sede di Savona dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, in via dei Calafati 16 (zona porto, presso il Bic Liguria). Proprio nella giornata di ieri anche gli ultimi uffici dell’Authority hanno lasciato la vecchia sede “in condominio” di via Gramsci 12 per quella nuova, un modernissimo edificio di sei piani in vetro e cemento. Per la conferenza del 28 sono stati convocati, oltre alla Sarpom, la Regione Liguria, la Provincia di Savona, i Comuni di Savona e di Quiliano, Capitaneria di Porto, Vigili del Fuoco, Agenzia delle Dogane, Asl 2.

Informazioni sull'autore del post