Finale Ligure In Primo Piano Savona Sport

Serie D play off: Savona e Finale vogliono arrivare in fondo

Savona. Chiuso il campionato si apre la fase play off. Due le savonesi protagoniste: Finale e Savona e due gli stati d’animo con cui giallorossi e striscioni si avvicinano all’appuntamento che le vedrà opposte a Masse e Finale. Non è certo arrivato il momento di assegnare voti ma la tendenza è tracciata, la squadra di Buttu ha disputato la sua miglior stagione nel dopoguerra, il Savona reduce dalle macerie di una disastrosa retrocessione,  un buon campionato ma non certo ottimo. Sfumato l’obiettivo Gavorrano, a Massa è stato compromesso anche quello minimo del secondo posto. Aver perso, seppur di misura, contro una squadra apparsa meno temibile di quanto si pensasse ha accentuato il rammarico per l’occasione buttata e riacceso qualche polemica per i mancati rinforzi di mercato invernali che avrebbero certamente impresso nella squadra una svolta determinante nel contesto di un torneo globalmente mediocre.  Per il Savona, dunque, oltre alla beffa subita in extremis, il danno di dovere incrociare la Lavagnese che al momento è la compagine tecnicamente più temibile e in salute fra le quattro del gruppo.  Il 5-3 subito al Riboli due settimane fa è un pessimo presupposto da cui partire ma un piccolo vantaggio il Savona lo ha e sta tutto nella possibilità di giocare per due risultati su tre. Il terzo posto conclusivo davanti proprio alla squadra di Tabbiani mette i savonesi nella condizione di poter anche non rischiare e di attendere l’avversario. Se il risultato di parità permanesse, poi, anche dopo i supplementari sarebbe la squadra di Siciliano a qualificarsi per la finalissima del 21 maggio contro Finale (al Bacigalupo) o Massese (nuovamente in trasferta).
L’incognita più grande da sciogliere per l’allenatore Siciliano riguarda la convinzione ed il morale del gruppo che a Massa nel dopopartita è apparso provato e schiacciato dalla delusione. Il tecnico dovrà dunque lavorare principalmente sull’aspetto mentale più che su quello tecnico dove, peraltro, non sono previste novità circa la squadra che domenica alle 16 scenderà in campo.
Manca solo la ciliegina sulla buonissima torta confezionata da Pietro Buttu e i suoi giocatori. Un campionato luminoso con poche nuvole e molto sole e adesso il treno dei desideri va dritto verso la finalissima che i giallorossi potrebbero giocarsi contro Lavagnese o Savona. E proprio l’opportunità di giocare l’atto conclusivo della stagione contro i cugini stuzzica le ambizioni dei giallorosso. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo la Massese che ha chiuso il campionato al secondo posto alle spalle del Gavorrano. Il Finale non parte battuto, ma i giallorossi saranno obbligati a vincere per evitare l’eliminazione. Il regolamento, infatti, prevede che in caso di parità al termine degli eventuali tempi supplementari sarà la squadra apuana ad assicurarsi il pass per la finalissima del 21 maggio. “Parliamoci chiaro andiamo con le fionde e questi sono con i bazooka, dice l’allenatore del Finale al microfono di rsvn.it,  mettici anche che dobbiamo vincere…Di certo non partiamo battuti e vogliamo giocarcela, va comunque detto che per noi essere arrivati fin qui è un premio per una squadra che è stata straordinaria e la sorpresa in assoluto del campionato. Bisogna dare merito ai ragazzi che hanno messo sotto Sanremese, Argentina, ForteQuerceta e altre squadre più attrezzate. Certo, una finale contro il Savona sarebbe un ulteriore premio e sarebbe una degna conclusione” . Non ci sono assenze di rilievo tra i giallorossi cpme sottolinea ancora l’allenatore finalese “Stiamo bene e saremo al completo”. Nella Massese mancherà il solo Guerci, squalificato.

Informazioni sull'autore del post