Finale Ligure In Primo Piano Savona Sport

Savona e Finale stringono i tempi verso i rispettivi obiettivi

Savona. Ancora un fine settimana di scontri diretti incrociati Ligura-Toscana. In particolare, il calcio lucchese sfiderà quello savonese. Sul tavolo traguardi da raggiungere per tutti. Per motivi di classifica, avrà uno spessore un po’ più robusto ForteQuerceta-Savona mentre Ghivizzano-Finale distribuirà punti salvezza. A  rischiare di più saranno gli striscioni che in due settimane  si giocheranno la certezza di qualificarsi per i play off: Forte dei Marmi e Sanremo diranno se i bianco blu potranno gestire in serenità l’ultimo segmento di stagione o se  dovranno arrancare anche per aggiudicarsi uno dei quattro posti disponibili. A fronte di un ottimismo a scena aperta da parte della società che crede ancora nella rimonta nei confronti del Gavorrano attualmente a +10, l’obiettivo ragionevole potrebbe essere quello del secondo posto attualmente in mano alla Massese che conta 3 soli punti in più rispetto alla squadra di Siciliano. Vero è che i tanti  scontri diretti al vertice sulla carta possono stravolgere le  attuali gerarchie ma è altrettanto evidente che per concretizzare un ribaltone come quello immaginato Gavorrano e Massese dovrebbero letteralmente buttarsi via ed il Savona non sbagliare più un colpo. Ed il calendario, Sporting Recco a parte, metterà di fronte gli striscioni nelle prossime gare a tutte le migliori squadre del campionato.  Manca pochissimo, invece, alla salvezza del Finale a cui basteranno 6-7 punti nelle prossima otto partite per riconfermarsi oltre ogni pronostico in Serie D.
Contro il ForteQuerceta la difficoltà più grande per l’allenatore Siciliano sarà sostituire lo squalificato Murano. Per il capocannoniere del campionato si tratta della prima assenza stagionale. Le alternative non mancano: Lumbombo dà ampie garanzia di rapidità, fantasia e qualità, ma ci sono anche Nappello, Boggian e Ruggiero. Molto dipenderà dall’assetto che l’allenatore proporrà: non è escluso uno schieramento ad un’unica punta con due trequartisti.  La buona notizia arriva dal rientro di Ferrando che, scontata la triplice squalifica, tornerà a disposizione. Per lui scontato l’utilizzo nella consueta difesa a tre. Bordo, che nelle ultime settimane si è adattato al ruolo di centrale potrebbe partire dalla panchina. Il Forte Querceta, nato dalla fusione avvenuta nel 2012 dalla fusione tra la precedente Unione Sportiva Forte dei Marmi e il Querceta Calcio. Il Forte dei Marmi, con oltre cento anni di storia alle spalle, era stato protagonista di cinque partecipazioni al campionati di Serie C negli anni quaranta.  I toscani, sesti in graduatoria, punteranno tutto sull’ex Falchini autore fin qui di 14 reti. I nerazzurri si presentano come squadra estremamente organizzata e quadrata capace di perdere soltanto in cinque occasioni. I versiliesi sono reduci dalla vittoria di Sanremo ma al “Necchi Balloni”la vittoria è assente dal  4-0 rifilato alla Fezzanese il 4 febbraio scorso.
Senza Capra, Scalia e Scarrone bloccati dalle squalifiche e Vittori, Saba, Spadoni e Genta infortunati anche Buttu è alle prese con una piccola emergenza organico in vista della trasferta  contro il Ghivizzano.  A San Giuliano Terme si affronteranno due squadre in salute. Il Finale è in serie utile da tre gare (1 vittoria e due pareggi) mentre il Ghivizzano malgrado il cambio di passo dimostrato nel girone di ritorno resta sempre coinvolto in zona play out  malgrado le buone prestazioni offerte contro la Lavagnese e l’U.Sanremo. Per i giallorossi, attualmente a +9 sulla zona calda sarà essenziale non perdere punti e chiudere al più presto la pratica salvezza prima di affrontare il futuro.  Squadre in campo alle 14.30.