Attualità

Commemorazione defunti. Varazze fa il punto sui cimiteri

Varazze. In occasione della commemorazione dei defunti, il Comune di Varazze, fa il punto sullo stato di conservazione dei cimiteri presenti sul territorio.
Il Comune di Varazze, infatti, oltre al Cimitero Urbano ha altri cimiteri sparsi in alcune frazioni e più precisamente all’Alpicella, alle Faje, al Pero ed a Casanova.
In particolare è sui cimiteri frazionali che si riscontrano le buone notizie, infatti grazie alla collaborazione tra il Comune di Varazze ed il Gruppo Alpini di Varazze,  guidati dal resonsabile e Consigliere Comunale Emilio Patrone, si è potuto realizzare la pulizia della vegetazione al di fuori dei cimiteri realizzando una fascia di rispetto di diversi metri a protezione degli stessi specie in caso di incendio.
“Una dimostrazione di impegno civile e attaccamento al proprio territorio”; commenta il Sindaco di Varazze Alessandro Bozzano “ dal gruppo alpini è arrivato un sostegno fondamentale per la macchina comunale senza il quale non saremmo stati in grado di realizzare una pulizia così accurata a salvaguardia dei cimiteri frazionali. Ringrazio personalmente tutto il Gruppo per questo lavoro realizzato in maniera così puntuale e basato totalmente sul volontariato e sull’impegno delle persone che hanno collaborato” conclude il Sindaco Bozzano.
“L’impegno della Amministrazione nel mantenere il decoro in luoghi così importanti è sempre massimo, commenta l’Assessore ai lavori Pubblici Pierfederici Luigi, abbiamo la fortuna di avere gli operai della ditta che opera all’interno dei cimiteri, in supporto alle forze comunali, che sono molto efficienti, disponibili quotidianamente  nell’operare per mantenere la pulizia e la cura dei luoghi sempre a livelli massimi.
In questo anno abbiamo provveduto a effettuare diversi interventi per debellare il parassita che ha assalito, già dallo scorso anno, le piante di bosso e in alcuni casi anche gli alberi presenti all’interno dei cimiteri; purtroppo ogni tentativo, l’ultimo dei quali è stato effettuato nel mese di settembre, è stato inutile in quanto il parassita è molto resistente e quindi si sta operando, cominciando dal cimitero urbano, a rimuovere le siepi secche che verranno sostituite successivamente con essenze resistenti allo stesso.
Nei mesi scorsi, sempre con lo scopo di alzare il livello di decoro e cura che si deve mantenere all’interno dei cimiteri, sono state messe all’asta due cappelle gentilizie in stato di abbandono presenti nel cimitero urbano ma purtroppo il primo tentativo è andato deserto. Nei prossimi mesi verrà effettuata una nuova asta nella speranza che possa avere esito positivo” conclude l’assessore.

Informazioni sull'autore del post