In Primo Piano Politica

Centrosinistra a Savona, verso la resa dei conti

Savona. All’indomani della bruciante sconfitta i “roumors” in casa Pd (e del centro sinistra in generale) parlano di un tutti contro tutti.
Il segretario provinciale Fulvio Briano – vero artefice della candidatura di Cristina Battaglia – sembra avere le ore contate, mentre Barbara Pasquali, segretaria cittadina invoca un’assemblea del partito per analizzare quanto accaduto ed, eventualmente, dare il via ad un rinnovamento dei quadri.
Ad urne ancora aperte era arrivata l’ufficializzazione pubblica delle dimissioni, da membro del Pd, dell’ex-vicesindaco Livio Di Tullio.
Di Tullio nei giorni scorsi, alla luce del deludente risultato del primo turno, si era duramente scagliato contro Briano. Ieri, a Briano ha accomunato anche l’onorevole Franco Vazio.
E mentre il sindaco uscente Federico Berruti ha cominciato stamane il giro dei rituali saluti alle istituzioni cittadine, a Palazzo Sisto si respirava una certa aria di disarmo.
Preoccupazione tra i dirigenti e tra i funzionari. Il cambio di colore politico del Comune di Savona non riguarda solo il personale politico ma avrà probabili ripercussioni anche tra quello amministrativo.
Intanto l’ex assessore Sergio Lugaro ha reso pubblica, sul suo profilo Facebook, una spietata analisi della debacle ed ha auspicato una riscossa tra cinque anni.
Nella foto di Barbarossa, i festeggiamenti notturni per la vittoria di Ilaria Caprioglio davanti al palazzo comunale.
 

Informazioni sull'autore del post