In Primo Piano

Giovanni Toti in visita allo spazio di Radio Savona Sound al Priamar

Savona. Visita a sorpresa ieri sera al Primar, al Savona Rock Festival, e per festeggiare i quarant’anni di Radio Savona Sound, del governatore della Liguria Giovanni Toti, reduce da un dibattito in sala rossa del Comune cui ha preso parte anche l’ex ministro Ignazio La Russa. Intervistato dai giornalisti Antonio Amodio e Gianluca Firopo ha spaziato su varie tematiche dalla situazione economico – occupazionale del Savonese con riferimento a Tirreno Power, ai porti, alla sanità, ai collegamenti stradali.
In merito alla questione occupazionale Toti ha ricordato come: “Savona è una delle realtà demograficamente più anziane della Liguria. In questi anni- ha ricordato il governatore – l’industria ha subito un forte tracollo e bisogna ora creare le condizioni per nuovi investimenti e per permettere ad una città centrale nell’assetto ligure, per potenzialità economiche, culturali, turistiche e per i servizi, di ritrovare la sua dimensione ed identità perdute nel tempo, ma sopratutto per creare sviluppo”.
Per quanto riguarda la questione Tirreno Power Toti ha detto: “E’ un problema complesso e delicato che vede anche in piedi un’inchiesta della magistratura ed un sequestro di due gruppi a carbone. Tuttavia stiamo lavorando per salvaguardare i posti di lavoro in essere, considerato che a fine ottobre scade la cassa integrazione e subito dopo le elezioni si riunirà in Regione quel tavolo che anche i sindacati stanno richiedendo da tempo. Ci sarà l’azienda e credo ci sarà anche un piano industriale per il futuro”.
Sul piano poi il governatore ha precisato: “Non faccio l’imprenditore di mestiere e non posso sapere cosa conterrà e come viene delineato, tuttavia ritengo di poter dire che si debba prevedere un superamento del carbone. Qualsiasi cosa si impiegherà in alternativa in quel sito per produrre energia, deve restare fermo il concetto che tutti i lavoratori oggi operanti vanno salvaguardati, come va salvaguardata anche la salute dei cittadini e l’ambiente circostante bello e attraente per quel turismo che dovrà offrire opportunità di sviluppo per il futuro”.
La piattaforma Maersk è stata inserita in un discorso più ampio legato ai porti: “Credo che la piattaforma di Vado rappresenterà un volano della ripresa e della ritrovata centralità della Liguria. Sui porti il governo centrale ha fatto una politica di accorpamenti che noi riteniamo non essere consona e valida per gli interessi degli scali liguri e di quelli di Savona e Genova in particolare. I fattori vanno messi a sistema ma va conservata l’autonomia dei soggetti”.
E’ seguito un richiamo alla questione sempre aperta di insufficienti collegamenti stradali e ferroviari. “La Liguria su questo aspetto – ha proseguito Toti – paga lo scotto di anni di immobilismo. Per molti anni non ci sono stati progetti operativi e oggi ne stiamo realizzando noi diversi e altri stiamo cercando di incentivarli”.
Sulla Sanità e le liste di attesa il governatore ha detto: “laddove possibile potremo ridurre queste liste per gli esami più importanti da 1/3 a 2/3 delle tempistiche attuali, parlo di risonanze, tac, accertamenti cardiologici. Quanto agli ospedali, i campanilismi sono sempre esistiti, ma cercheremo di tutelare il più possibile le strutture esistenti senza che questo comporti svantaggi per nessuno. Bisogna armonizzare e razionalizzare le risorse esistenti.
Anche a Savona, come a Genova, abbiamo avviato i servizi ambulatoriali anche il sabato e presto, entro l’autunno, ci sarà una sanità ligure ridisegnata e rimodellata secondo questi criteri di modernità ed efficienza, per consentire ai liguri di spendere meno e di essere curati meglio.
Da questo punto di vista ritengo che anche l’assistenza domiciliare vada assolutamente potenziata e le cure debbono essere appropriate. A breve a luglio, i direttori Asl saranno in scadenza e provvederemo alla loro sostituzione. A Savona abbiamo dovuto ricorrere alla nomina di un commissario anche per affrontare le anomalie che si erano venute a creare e abbiamo scelto per questo compito una persona competente e preparata come il dottor Porfido che sta operando in modo ottimale. Una persona proveniente da un’area diversa dalla nostra certo, e questo dimostra che quando le qualità degli uomini sono di alto profilo, noi le sappiamo riconoscere in tutte le direzioni”.

Informazioni sull'autore del post