Manifatture verso Turchia valgono 68 milioni

Genova. Le esportazioni di manifatturiero ligure verso la Turchia valgono 68
milioni di euro*. In base ai dati Istat e Unioncamere diffusi dall’Ufficio
studi di Confartigianato, nella nostra regione l’export pesa per lo 0,25%
sul valore aggiunto, un dato che la posiziona al 12esimo posto in Italia.
Il volume delle esportazioni, relativo ai primi 9 mesi del 2015, risulta
in calo dell’8,4% (era pari a 104 milioni tra quarto trimestre 2014 e
terzo trimestre 2015).
Dopo la Germania, l’Italia è il secondo Paese dell’Unione europea per
volume di export totale verso la Turchia. Il manifatturiero esportato
verso la nazione turca vale 6,4 miliardi (in crescita del 7%) e il
rapporto sul valore aggiunto nazionale risulta pari allo 0,6%. In
particolare, i soli settori ad alta concentrazione di micro e piccole
imprese** (il 18% dell’export manifatturiero), registrano nei primi dieci
mesi del 2015 un aumento tendenziale delle esportazioni verso la Turchia
del 3,7%.
A trainare lo stivale sono soprattutto le regioni del Nord: Lombardia (1,9
miliardi di export manifatturiero totale), Piemonte (1,17 miliardi, che
registra anche il rapporto più alto d’Italia tra export e valore aggiunto,
pari a 1,39%, seguito da quello del Friuli Venezia Giulia, 1,07%) ed
Emilia Romagna (circa 820 milioni di euro).
Nella fotografia provinciale Genova e Savona sono le due province liguri a
registrare il maggior peso sull’intero export manifatturiero ligure verso
la Turchia. Il capoluogo pesa per 33 milioni di euro (-20,5% nei primi 9
mesi del 2015) e il rapporto sul valore aggiunto è quasi in linea con
quello regionale (0,24%). Nel savonese le esportazioni verso il Paese
straniero valgono 26 milioni di euro (in crescita del 4,5%), ma il
rapporto export/valore aggiunto è ben superiore a quello medio della
Liguria: 0,49%. Infine, il peso dell’export manifatturiero imperiese e
spezzino incide, rispettivamente, per 2 milioni (+20,6%) e 7 milioni di
euro (+16,7%).
«Le instabilità e le sanzioni – commenta Giancarlo Grasso, presidente di
Confartigianato Liguria – danneggiano il nostro export verso alcuni Paesi,
come la Turchia, in forte crescita e quindi buona opportunità di
interscambio commerciale anche per le micro e piccole imprese che, come
dimostrano i dati, stanno registrando un andamento positivo delle
esportazioni. A maggior ragione sarà quindi fondamentale un’azione di
forte sostegno all’internazionalizzazione delle nostre microimprese da
parte dell’amministrazione regionale».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi