Cronaca La Spezia e provincia

La Spezia, interviene per sedare rissa in carcere: detenuto psichiatrico gli frattura un braccio

Il segretario regionale del Sappe, Michele Lorenzo, denuncia un’aggressione ai danni di un assistente capo di Polizia Penitenziaria che, intervenuto per sedare una rissa, è stato aggredito da un detenuto psichiatrico di 35 anni che gli ha fratturato un braccio. E’ accaduto nel carcere di La Spezia. “Il carcere della Spezia è sottoposto ad una presenza di detenuti psichiatrici difficoltosi nella loro gestione. Su circa 160 detenuti, almeno 5 presentano seri problemi psichiatrici che necessitano di continua assistenza, che l’istituto non può garantire in quanto il medico psichiatrico non è sempre presente ma assicura solo poche ore settimanali”, hanno detto dal Sappe. Per l’assistente capo la prognosi è di 30 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *